Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, alcuni sepermercati vendono ancora sacchetti fuori norma

Più informazioni su

Genova. Molti supermercati hanno già adottato i sacchetti biodegradabili, altri si avviano ad esaurire le scorte di quelli di plastica per adempiere alla norma, ma c’é anche chi,  continua a vendere quelli “fuori legge” a 5 centesimi.

Stamattina, infatti, in un grande supermercato del capoluogo ligure, i sacchetti di plastica in corso di esaurimento venivano ancora venduti (non regalati come previsto). I principali marchi della grande distribuzione, però, si sono già adeguati. Coop Liguria dall’11 ottobre 2010 propone esclusivamente buste per la spesa riutilizzabili o shoppers biodegradabili al 100%. Carrefour Express propone ai clienti i sacchetti ecologici già dalla primavera 2010. Lidl a partire da ieri ha adeguato la sua catena. Mentre il Basko promette i sacchetti ecologici entro 10 giorni da oggi. “Sono più cari e meno resistenti”: si lamentano molti consumatori genovesi. Il costo dei nuovi sacchetti è di circa 10-15 centesimi, contro le vecchie buste di plastica che ne costavano 5.

Un rincaro del 100% che potrebbe far lievitare i costi di circa 30 euro all’anno la spesa annua per famiglia. In attesa dei decreti attuativi del governo il Comune di Genova sta valutando l’opportunità di predisporre con un’ordinanza delle sanzioni per le attività commerciali inadempienti. Intanto però alcuni produttori di sacchetti di plastica spiegano di “avere ancora delle scorte e di dover sostenere costi eccessivi per la riconversione delle linee di produzione”.