Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coppa Italia: Inter-Genoa, Ballardini: “Daremo il massimo per la società e per i tifosi”

Genova. Sembra già pronto a ripartire il Grifone, dopo il deludente match contro il Cesena.  Mr. Ballardini e i suoi hanno preparato la difficile partita di Mercoledì sera contro l’Inter di Leonardo al San Siro, valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia.

Per la gara unica, quindi, si partirà mercoledì mattina, dopo la rifinitura al Centro Signorini. Pranzo e riposo in albergo, riunione e trasferimento allo stadio. Previsto anche il turn over per chi ha giocato sotto la nebbia domenica scorsa.

“Effettuerò qualche cambio, necessario, perché qualcuno deve riposare – ha spiegato il tecnico rossoblu –  Ma cercheremo di fare ugualmente bella figura, per rispetto della manifestazione, della società e dei tifosi. E’ una responsabilità che sentiamo, io a maggior ragione. Per questo conto di mettere in campo una formazione competitiva. L’Inter è squadra da temere in blocco, compatta, con giocatori dotati di grande forza fisica e straordinarie qualità tecniche. Ha ritrovato entusiasmo e, con Leonardo, concede meno spazi e ha rispolverato il trequartista”.

Ma, a quanto pare, i problemi maggiori per questo Genoa, sembrano essere in attacco. Niente bomber, pochi gol. “E’ vero che segniamo pochi gol – ha precisato Ballardini –  ma è altrettanto vero che ne prendiamo pochi. Un altro dato da non trascurare è che in genere non siamo inferiori agli avversari per numero di occasioni. Il ricorso alle sostituzioni durante le partite? Un mio illustre maestro, Liedholm, sosteneva che un allenatore, quando si muove, finisce per fare dei danni. A volte è più produttivo stare fermi, osservare, piuttosto che agire di getto. Lo ripeto, ci vogliamo presentare bene, si tratta di un’opportunità importante”.

Ma dopo l’addio di Toni, è forse il caso di ricorrere al calciomercato?

“A organico completo  – ha concluso l’allenatore del Genoa – e col recupero dei giocatori fuori, dispongo già ora di un gruppo di cui essere soddisfatto. Non è il caso di parlarne, finché non ci avviciniamo alla conclusione. Siamo concentrati sulle gare”.