Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cogoleto, sopralluogo della Regione nell’area ex Stoppani

Cogoleto. Ieri il presidente della Regione Claudio Burlando e l’assessore all’ambiente Renata Briano hanno fatto un sopralluogo nell’area della bonifica ex-Stoppani, a Cogoleto. Insieme all’assessore al Patrimonio naturalistico e controlli ambientali della Provincia di Genova, Alberto Corradi, hanno incontrato il vicecommissario governativo Cecilia Brescianini, il sindaco di Cogoleto, Attilio Zanetti, il sindaco di Arenzano, Luigi Gambino, e il dirigente del Gabinetto del Prefetto di Genova, dottor Edoardo Sottile.

Primo argomento della riunione, il punto sulla situazione dei fondi a disposizione per garantire la continuazione dei lavori per la definitiva messa in sicurezza ambientale del sito. Con una recente ordinanza sono infatti stati trasferiti a questo scopo 2,3 milioni di euro, di cui un milione anticipato dalla Regione Liguria. “Questa è una piccola somma, se si considera l’entità dei fondi ancora necessari per completare la messa in sicurezza – ha detto Burlando – ma ci consentiranno di procedere garantendo il lavoro per almeno un altro anno”.

I lavori interesseranno inizialmente l’area di Pian Masino e la discarica di Molinetto, zona colpita dall’alluvione dello scorso ottobre. “Se come spero potremo contare dalla settimana prossima sui fondi del Governo per i danni dell’alluvione – ha detto Burlando – ritengo che ci potrà essere la possibilità di utilizzare una parte di essi per questo intervento, da sommare ai fondi già disponibili. E’ da sempre un mio impegno quello di utilizzare i soldi non solo per riparare i danni ma anche per mettere a disposizione del territorio nuovi spazi. In una regione da sempre carente di aree per le imprese e in cui troppo spesso le superfici libere sono state appetibili per fare case o per il commercio, credo si possa cominciare a pensare invece a queste superfici come una possibilità di insediamento per le attività produttive”.

“Sarebbe un segnale fortissimo far rinascere il lavoro ambientalmente ‘pulito’ in un luogo in cui il lavoro c’era, seppure in condizioni così drammatiche – ha concluso il presidente della Regione Liguria – Ci siamo dati un nuovo appuntamento per la fine di febbraio. Cercheremo di capire inoltre i tempi del depuratore civile intercomunale di Cogoleto-Arenzano-Vesima e, insieme all’assessore Vesco, affronteremo il problema occupazionale, avendo più chiaro che cosa c’é da fare, per quanto e con quanti fondi”.