Bomba Recco, città blindata: alle 11 sono iniziate le operazioni di sminamento - Genova 24
Cronaca

Bomba Recco, città blindata: alle 11 sono iniziate le operazioni di sminamento

Recco. Tutto è andato secondo i piani e secondo la tabella di marcia stabilita nei giorni precedenti. Alle 10 in punto sono  terminate le operazioni di evacuazione della città e subito dopo, come previsto, è incominciato il giro di controllo per verificare con scrupolosità l’avvenuto allontamento della gente dalle zone pericolose, cioè quelle situate nel raggio di 500 metri dall’ordigno.

4400 in totale le persone sfollate dalle loro case, circa metà della popolazione. Ora sono in corso le delicate operazioni di disinnescamento della bomba della Seconda Guerra Mondiale, che pesa circa 500 chili e contiene 250 chili di tritolo. Al lavoro gli artiglieri del 32° reggimento genio della brigata alpina Taurinense che, una volta disinnescato l’ordigno, lo porteranno a Pallare, dove sarà fatto esplodere in una cava.

Se tutto andrà secondo i programmi, i recchesi potranno rientrare nelle loro abitazioni intorno alle 14, ma fino a quell’ora resta sospeso il traffico lungo la linea ferroviaria Genova-Roma e su una parte della strada statale  Aurelia.  Chiuso anche il casello autostradale sulla A12 Genova-Livorno.

Per evitare ogni rischio, è stata interrotta l’erogazione di energia elettrica nella zona, mentre l’acquedotto e le linee del gas sono presidiate per un’eventuale chiusura in caso di necessità. Attualmente è anche chiuso lo spazio aereo sopra la cittadina (fino a 3100 piedi), mentre una parte del porticciolo è stata fatta sgomberare dalla Capitaneria di Porto.