Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terzo Valico, Burlando: “Rfi e Cociv devono rinsaldare i rapporti, quindi partirà il progetto” foto

Genova. “I passaggi burocratici del sistema pubblico sono conclusi e non ci dovrebbero essere problemi. Ora la situazione delicata è la definizione dei rapporti tra Fs-Rfi e Cociv, dove quest’ultimo deve creare un cantiere per realizzare 6 miliardi di euro di lavori, anche se per ora lavorerà per 500 milioni. La situazione è complessa, lasciamo qualche settimana di tempo, e poi vedremo come agire”. Sono le prime parole del presidente della Regione Claudio Burlando sul Terzo Valico, durante il sopralluogo al cantiere della viabilità di Scarpino.

Proprio lì partirà il “bypass” che interesserà dal casello di Genova Aeroporto fino a Scarpino. Dopo l’approvazione, circa 15 giorni fa, del primo lotto da parte del Cipe, Burlando ha spiegato i prossimi movimenti e i rapporti tra la società controllata da Ferrovie dello Stato e il Consorzio Collegamenti Integrati Veloci.

“Ho già parlato con Italferr e Fs-Rfi – ha proseguito Burlando – e ci rincontreremo a fine gennaio, solo in quel momento si potrà capire se le cose funzionano oppure se ci sono ancora problemi di rapporto. E’ evidente che qui si investe molto, se si ha un finanziamento completo allora l’investimento lo fai con sicurezza, ma se invece il finanziamento non è intero allora bisogna avere delle garanzie”.

“E’ nostro interesse – ha poi concluso il presidente della Regione – portare a compimento questo progetto e raggiungere l’obiettivo finale, ma già con la cifra che abbiamo possiamo far fare a Genova un salto in avanti. L’importante ora è rinsaldare i rapporti tra Fs-Rfi e Cociv, sperando che tutto vada in porto entro gennaio”.