Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regione, siglata intesa con l’associazione disabili Nuova Ansiie

Genova. E’ stata siglata questa mattina l’intesa tra l’associazione Nuova Ansiie, che riunisce i familiari dei disabili gravi e in Liguria conta circa cento assistiti, e la Regione Liguria sulla base dei contenuti di una nuova delibera che verrà portata all’approvazione della Giunta mercoledì 29 dicembre.

Tra i punti principali la ricostituzione della commissione regionale per l’autorizzazione di cure all’estero per la neuroriabilitazione che si avvarrà di tre esperti: il dottor Luigi Baratto, referente della struttura di recupero e riabilitazione funzionale dell’ospedale La Colletta di Arenzano, il professor Giovanni Abruzzese, del dipartimento di Neuroscienze, Oftalmologia e Genetica dell’ospedale San Martino di Genova e il dottor Paolo Moretti dell’unità operativa di recupero, rieducazione funzionale e fisioterapia dell’Istituto Gaslini; l’istituzione di due centri di riferimento regionale per le attività intensive presso l’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure e l’Istituto Gaslini di Genova per quanto riguarda l’età pediatrica e l’ utilizzazione, attraverso convenzionamento, dei centri genovesi dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, in particolare del centro di Fiumara che dispongono di attrezzature e piscine particolarmente indicate per la terapia di riabilitazione.

Nel corso dell’incontro, che si è nuovamente svolto questa mattina a margine della seduta del consiglio regionale tra gli assessori Montaldo e Rambaudi e i rappresentanti dell’associazione Nuova Ansiie, l’assessore alla salute ha ribadito che “Saranno riesaminati d’ufficio i casi dei sei disabili per i quali la commissione regionale di riferimento non ha autorizzato il piano di terapia intensiva e, nel caso non fosse possibile effettuare le cure sul territorio regionale, autorizzeremo a mandarli all’estero”.

Montaldo ha inoltre assicurato l’impegno del direttore generale dell’ospedale Santa Corona e della Regione ad assumere alcune figure professionali indispensabili per il funzionamento del centro per la riabilitazione e l’avvio di una convenzione con gli albergatori della zona per offrire alloggio alle famiglia accompagnatrici in strutture idonee ad ospitare i disabili.

“Santa Corona – ha ribadito Montaldo – sarà il luogo, individuato a livello regionale, per i casi più complessi e a livello genovese utilizzeremo, oltre al Gaslini, le strutture riabilitative, ospedaliere e private accreditate per assicurare una presa in carico a tutti e un chiaro percorso assistenziale”. I rappresentanti dell’Associazione e l’assessore regionale alla salute si incontreranno nuovamente lunedì 17 gennaio per un aggiornamento e una valutazione dell’applicazione della delibera e dei singoli casi.