Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova: una guida della provincia tra i tesori dei presepi

Genova. Novanta presepi più uno, fra tesori come quelli dei grandi maestri Anton Maria Maragliano e Pasquale Navone, giochi di luce, allestimenti viventi della sacra rappresentazione e personaggi animati da movimenti meccanici.

Uno straordinario patrimonio d’arte e tradizioni del territorio che la nuova guida tascabile Andar per Presepi realizzata dall’assessorato al turismo della Provincia di Genova aiuta a ritrovare, viaggiando tra le meraviglie e il sentire più profondo, fino alla commozione, nelle tante, diverse e originali, rappresentazioni della Natività.

La guida della Provincia, pubblicata da Sagep e allegata anche al mensile Blue di dicembre “avrà una diffusione capillare – dice l’assessore Anna Dagnino – dagli uffici turistici del nostro ente e dei Comuni a tutti i principali alberghi, dove i turisti troveranno in questo modo uno stimolo in più a visitare lo straordinario patrimonio, antico e moderno, dei presepi in provincia
di Genova”.

Davvero troppe le suggestioni e il fascino dell’autentico Natale evocati da tutti i presepi della guida (novanta in provincia di
Genova più uno al confine alessandrino di Voltaggio) per suggerirne qualche esempio. Non ha però bisogno di presentazioni: Pentema, piccola capitale del presepe a Torriglia, visitato da migliaia di persone, che ogni anno fa rivivere l’atmosfera della Natività con personaggi a grandezza naturale e costumi di fine 800 tra le case, gli archi, i viottoli e i risseu del borgo storico e i mestieri della vita quotidiana.

“Per favorire l’accesso a questo luogo simbolico e straordinario – spiega l’assessore Anna Dagnino – la Provincia, che ha anche contribuito all’acquisto di un’antica casa, appena riallestita con personaggi del presepe, ha dato sostegno economico al bus navetta
per i visitatori, un servizio molto importante perché il transito privato sulla non facile strada per Pentema viene limitato nei periodi
di maggiore afflusso”.