Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, nuovi orari commercio: negozi aperti per massimo 13 ore, dalle 7 alle 22

Genova. Siglato l’accordo tra commercianti e Comune: i negozianti in sede fissa potranno aprire per un massimo di 13 ore al giorno in una fascia oraria che va dalle 7 alle 22. Dal provvedimento sono esclusi benzinai, rivendite i giornali, farmacie e pubblici esercizi con apposita ordinanza.

“Dopo un lungo iter siamo giunti ad una conclusione positiva che è ovviamente frutto di compromessi e strettamente correlata al contesto in cui ci troviamo ad operare, come del resto qualsiasi atto di programmazione – commenta Patrizia De Luise, presidente Confesercenti Liguria – Se da un lato era comunque necessario arrivare a un regolamentazione che mettesse tutti sullo stesso piano, all’interno di una cornice di regole definite, dall’altro andavano salvaguardate necessità programmatorie delle attività, abitudini ormai acquisite dai consumatori ed esigenze di accoglienza turistica. Il provvedimento concordato cerca di andare in questa direzione, mettendo a sistema le diverse esigenze. Per noi questa regola sancisce il principio per noi qualificante che la competizione va fatta sulla qualità e non sulla quantità di apertura oraria, in una fase dove assistiamo alla contrazione dei consumi e a crescenti costi fissi per le attività e dove non ha quindi senso aumentare a dismisura l’offerta”.

“E’ evidente che alcune attività del centro storico come le paninerie o i negozi di abbigliamento legati alla clientela della movida hanno necessità di orari prolungati oltre le 23 – continua De Luise – così come alcune delle zone turistiche hanno necessità il di restare aperte il 1° maggio. Su questo è necessario mettersi a lavorare fin da subito nello spirito di collaborazione con cui abbiamo chiuso l’accordo di oggi, per noi sarebbe importante per esempio che i CIV diventassero l’ambito territoriale di riferimento per gestire appunto le esigenze particolari delle attività economiche cittadine”.