Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cuccioli per Natale, Enpa: “Bisogna amarli e non abbandonarli dopo pochi mesi”

Genova. Il Natale è ormai alle porte e come sempre incominciano a fioccare le domande di adozione presso i canili e i gattili. Esiste un regalo più bello per un bambino di un cucciolo sotto l’albero?  “Ci siamo – spiega l’Enpa – come ogni anno abbiamo avuto richieste di animali per il Natale. Naturalmente cuccioli, da regalare ai bambini. Siamo sempre molto contenti di avere queste richieste, un po’ meno, però, quando coincidono con le feste natalizie. Purtroppo è appurato, diremmo quasi scontato, che gli animali regalati per i bambini a Natale, molto più spesso di quello che si pensi, durano poco in quelle case”.

Dall’Enpa genovese arriva una raccomandazione quanto mai giusta, quella di non farsi tentare nel prendere un animale se veramente non si ha la volontà di accudirlo e di amarlo per tutta la sua esistenza. Un cucciolo non è un peluche e non può essere sballottato da un posto a un altro nel giro di pochi mesi, o peggio abbandonato al suo destino. “Va già bene se vengono consegnati ai vari canili e gattili comunali (la legge glielo consente senza spendere un euro per il loro futuro mantenimento) – continua l’Enpa – Un appello piccolo, piccolo.  Volete un animale per la famiglia, per i bambini? Bene! Mesi prima delle feste, accompagnate i vostri figli a visitare i canili e gattili della vostra città, fate insieme un pò di volontariato, responsabilizzate i vostri ‘pargoli’ sull’impegno di curare giornalmente l’animale ricordandogli che sarà un membro della vostra famiglia e che lo sarà per sempre”.

“Sappiamo che è entusiasmante avere un piccolo batuffolo di pelo da tenere in braccio, ma quella palletta di pelo crescerà, avrà esigenze diverse oltre al gioco, non è un giocattolo, ha bisogno di cure e attenzioni costanti, se sta male deve essere curato, deve far parte a tutti gli effetti della famiglia – conclude Enpa – Non dimentichiamo anche i ‘nuovi animali d’affezione’, tartarughe d’acqua, furetti, conigli, serpi vari che vengono chiesti e regalati. Noi ne sappiamo qualcosa, negli ultimi mesi nel nostro centro rettili sono entrati tre pitoni reali acquistati proprio a Natale degli scorsi anni, senza contare quelle povere tartarughe d’acqua che vengono sbattute ovunque”.