Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Burlando al Quirinale: “Da Napolitano per una soluzione sulle esigue risorse pro alluvione”

Liguria. “La fortissima preoccupazione per l’esiguità delle risorse fino a ora destinate dal Governo alle zone della Liguria colpite, in particolare il quartiere di Sestri Ponente a Genova e il Comune di Varazze, mi ha spinto a rivolgermi al presidente della Repubblica”.

A parlare è il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, che ieri sera, in qualità di Commissario per la gestione degli interventi nelle zone della Liguria colpite dall’alluvione del 4 ottobre scorso, è stato ricevuto al Quirinale dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Durante l’incontro Burlando ha voluto aggiornare personalmente il presidente Napolitano sulle conseguenze delle inondazioni.
“Ho trovato nel presidente Napolitano – ha affermato il presidente della Regione liguria – attenzione e comprensione per tutti coloro che ancora oggi non possono riprendere le loro attività e la loro vita di sempre e per il pericolo rappresentato dal rischio residuo che tuttora sussiste in diverse realtà colpite. Sono certo che il presidente Napolitano darà seguito al nostro incontro, facilitando i miei contatti con il Tesoro per capire come trovare presto una soluzione”.

Il presidente della Regione nei giorni scorsi ha mandato una lettera al Sottosegretario Letta, al direttore generale del Tesoro e al Capo di Gabinetto del Ministro Tremonti dichiarando la sua “impossibilità a continuare a essere Commissario in assenza di adeguate risorse”.

“Sento – ha dichiarato Burlando – la mia responsabilità di fronte alle famiglie e a tutte le attività economiche che hanno subito danni anche ingenti. Sulla base delle priorità indicate dall’ordinanza che ha stanziato 10 milioni di euro le risorse non copriranno neppure la metà delle spese relative agli interventi di somma urgenza. E a tutt’oggi quelle destinate alle famiglie e alle imprese rappresentano una percentuale minima dei danni che, lo ricordo, sono stati stimati in oltre 250 milioni di euro”.