Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Allargamento via Mameli a Rapallo, Capurro: “Deprezzato il campo da Golf e deturpato ambiente”

Rapallo. Il consigliere regionale Armando Ezio Capurro “convoca” in Regione il sindaco di Rapallo, Campodonico affinché una volta per tutte fornisca chiarimenti circa l’intenzione assunta dall’amministrazione comunale di “massacrare via Mameli abbattendo piante d’alto fusto e limitando la struttura turistico – sportiva al Circolo Golf & Tennis”.
Il consigliere ha illustrato un’interrogazione sull’ipotizzato allargamento a tre corsie di un tratto di circa 200 metri dia Via Mameli a Rapallo, che sarebbe preceduto e seguito da una carreggiata a due corsie a monte e a valle.

“Portare a compimento quest’opera – ha detto – comporterebbe una serie di danni alla proprietà della Regione, sarebbe deprezzato fortemente il valore del campo da golf che si trova proprio in quest’area (la strada occuperebbe una fetta ai margini) e all’ambiente perché sarebbero tagliati quaranta alberi di alto fusto”. Ha quindi annunciato un’altra novità sulla vicenda: la Curia vescovile di Chiavari, anch’essa proprietaria di una fetta di terreno interessata all’intervento, ha espresso parere negativo riguardo al progetto. Secondo Capurro la pratica deve essere rivista dalla Regione sotto l’aspetto ambientale, economico e viario.

Ha risposto l’assessore al patrimonio Sergio Rossetti: “Abbiamo chiesto al Comune quale sia lo stato dell’arte dell’intervento. Ci è stato detto che rientra nel calendario delle opere 2011 – ha detto – La Regione ha assentito all’opera e, quindi, dal punto di vista procedurale, considerato come stanno ora le cose, potrebbe avere problemi legali con i soggetti interessati. Questa operazione comporta una riduzione del valore patrimoniale regionale. Si potrebbe quindi fare un passaggio in commissione, un’audizione con tutti i soggetti interessati per capire se si può portare a termine o meno l’opera”.
Soddisfatto Capurro: “La proposta ci permetterà di verificare i danni che deriverebbero dalla realizzazione del progetto”.