Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tagli alle Regioni, Chiesa: “A rischio per il Tigullio la sanità e le infrastrutture”

Chiavari. Tagli del Governo alle regioni; il consigliere regionale Ezio Chiesa (Gruppo misto) fa il punto dei principali rischi a cui potrebbe andare incontro il Tigullio. “I tagli sono pesantissimi, infatti dei 197 milioni trasferiti dal Governo ne rimarranno circa 42. Questo avrà ricadute importanti anche su territori come il Tigullio, molto più piccoli rispetto alla grande Genova. La mia intenzione è quella di mettere al centro i problemi di questa zona, collegandoli appunto ai tagli che obbligatoriamente verranno portati avanti dalla Regione Liguria”.

Il primo punto all’ordine del giorno di Chiesa è stata la sanità: “Si aprirà presto l’ospedale di Rapallo e il Tigullio si troverà ad avere tre nosocomi, che dovranno fungere da ospedale unico – spiega – con la nuova struttura rapallese, però, aumenteranno i costi e quindi ci sarà la necessità di aumentare anche la quota capitaria, altrimenti andranno persi molti servizi attualmente erogati”. Le infrastrutture l’altro tema trattato dal consigliere: “Si parla molto del tunnel della Fontanabuona e la Regione ha fatto bene a inserirlo nell’accordo quadro con il Governo, ma questo allontana i tempi della realizzazione – continua – Arrivati a questo punto, visto che i fondi Fas per la costruzione del tunnel ammontano a 25 milioni di euro, bisogna fare in modo che non vengano trasferiti in altri territori. Questi ultimi, infatti, hanno scadenza nel 2013 e non possiamo rischiare di perderli. Farò quindi la proposta di trasferirli sul prolungamento di viale Kasman, altro progetto di cui il Tigullio necessita”.

Proprio parlando di quest’ultima opera, Chiesa ha concluso: “Credo e spero, come ha detto il presidente Burlando, che a dicembre venga consegnato lo studio di fattibilità ai comuni e agli altri enti interessati perché possano pronunciarsi in tempi rapidi. Poi il progetto dovrà essere consegnato all’Anas per i relativi finanziamenti”.