Quantcast
Cronaca

Riesame: no al dissequestro bar di Garcea

aula tribunale

Sestri Ponente. Non riavrà il suo bar, Davide Garcea, figlio del latitante Onofrio Garcea, coinvolto nella maxi inchiesta sulla presenza della ‘ndrangheta nel capoluogo ligure e sul cui capo pende l’accusa di usura. Il tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta di dissequestro di un bar a Sestri Ponente di sua proprietà. Il difensore di Garcea ha annunciato che presenterà ricorso in Cassazione e ha commentato: “Il bar è chiuso e i tre dipendenti che vi lavoravano rischiano di essere licenziati”.

La richiesta riguardava anche un conto corrente intestato a Davide Garcea. Il sequestro, autorizzato dal gip Franca Borzone, era stato eseguito dai carabinieri del Ros. Nel corso del blitz i militari avevano effettuato sequestri anche di altri beni riconducibili a detenuto nel carcere di Marassi e allo stesso Onofrio Garcea.