Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regione, approvato accordo Amt: prepensionamenti, aumenti e accorpamento dei bacini

Regione. E’ arrivata la fumata bianca, dopo innumerovoli riunioni e trattative ad oltranza, l’accordo su Amt è stato approvato oggi dalla Giunta regionale, proposto dall’assessore ai trasporti, Enrico Vesco. “Questo accordo verso il quale la Regione si è fatta promotrice – spiega Vesco – nasce dal bisogno di salvaguardare il trasporto pubblico locale e il suo ruolo centrale, quale elemento del welfare e di servizio essenziale per la collettività. Da qui la necessità di ridurre i costi sociali dei fattori esterni negativi del sistema complessivo della mobilità che risente di una situazione di forte difficoltà a causa del crescente costo del servizio in relazione all’inadeguatezza delle risorse e alla mancata indicizzazione dell’ex fondo nazionale trasporti da parte del Governo, oltre ai tagli della manovra Tremonti”.

Nella versione andata in Giunta quest’oggi sono tre gli impegni che si è assunta la Regione: l’istituzione di un fondo di 5 milioni di euro per il 2011 per incentivare all’esodo i lavoratori delle aziende di trasporto a seguito della manovra e all’impatto di eventuali ammortizzatori sociali in deroga che si rendessero necessari a partire dalla cassa integrazione concessa dalla Regione Liguria anche a ore; l’impegno alla revisione del testo di legge 31 del 1998 entro il 31 gennaio 2011 sul trasporto pubblico locale per l’accorpamento dei bacini e la revisione di tutta la normativa sul Tpl per consentire una maggiore flessibilità nella definizione delle tariffe, consentendo aumenti che si renderanno necessari a fronte dei tagli alle risorse della manovra Tremonti.

Dopo l’approvazione da parte della Giunta regionale l’accordo, per essere valido, dovrà essere recepito anche dal consiglio comunale, dal cda di Amt e soprattutto dovrà essere subordinato al referendum previsto dai lavoratori dell’azienda di trasporto pubblico.