Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lavoro, Vesco: “Fondo di garanzia per i lavoratori senza stipendio”

Regione. Un fondo di garanzia per aiutare i lavoratori liguri dipendenti che non percepiscono lo stipendio da almeno tre mesi, per difficoltà dell’azienda o percepiscono uno stipendio ridotto. E’ stato istituito oggi dalla Giunta regionale ligure su proposta dell’assessore al lavoro, Enrico Vesco per aiutare tutti quei dipendenti di aziende che, per problemi di liquidità non riescono a erogare quanto dovuto. Il fondo di garanzia istituito dalla Regione interviene presso le banche aderenti, per garantire il prestito ai lavoratori che consenta loro di vedersi anticipato il pagamento degli stipendi arretrati fino ad un massimo di 3.000 euro.

“Con la delibera approvata oggi – spiega l’assessore regionale al lavoro, Enrico Vesco – abbiamo dato mandato a Filse di istituire un bando rivolto ai lavoratori in queste condizioni. Il bando rimarrà aperto fino al 15 febbraio 2011 e servirà a istituire una graduatoria sulla cui base si provvederà a rilasciare le garanzie a beneficio dei richiedenti”. La garanzia fornita dalla Regione ha validità 14 mesi e copre il pagamento degli interessi attraverso il fondo regionale per l’occupazione le cui risorse ammontano a 150.000 euro.

Sempre oggi in Giunta sono state approvate le nuove modalità per i lavoratori in cassa integrazione per ottenere l’anticipo del trattamento, in attesa dell’erogazione del Governo. Anche in questo caso sarà utilizzato il fondo di garanzia istituito dalla Regione attraverso Filse, per i lavoratori in difficoltà. Con la delibera approvata oggi sarà disponibile una nuova modulistica che accelera e semplifica le procedure per ottenere i benefici previsti. 
“Le misure approvate – aggiunge l’aggiunge regionale al lavoro – vogliono dare risposta alle esigenze dei lavoratori liguri che si trovano in condizione di disagio economico e sono l’ennesimo attestato dell’impegno di questa Giunta per non nascondere e non ignorare la crisi, combattendola apertamente e cercando di arginare i suoi effetti”.