Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Incidente in porto, Filt-Cgil: “Se non arriveranno garanzie, continueremo la protesta”

Genova. Nel tardo pomeriggio di ieri un portuale del Terminal San Giorgio, Gruppo Gavio, nel Porto di Genova, e’ rimasto gravemente ferito durante le operazioni di carico e scarico presso la nave Celia. Questa mattina i lavoratori del terminal hanno deciso di protestare bloccando la nave, e hanno indetto due riunioni, una con il Presidente dell’Autorità Portuale Luigi Merlo e una presso il terminal alla presenza del SOI (sistema operativo integrato), i rappresentanti per la sicurezza di sito e aziendale.

“Nella prima riunione, alla quale erano presenti Filt Cgil Fit Cisl e Uiltrasporti – scrive Filt Cgil in una nota – è stato chiesto al Presidente di far pressione sul terminalista affinché vengano rispettate rigorosamente le procedure di carico/scarico merci, soprattutto in occasione di carichi per loro natura pericolosi, come nel caso della scorsa notte, ossia di un carico di legname; in seconda battuta è stato chiesto che il protocollo di intesa siglato nelle scorse settimane che prevede le buone pratiche, ossia la formazione e il controllo sulle operazioni, non solo da parte di Asl, Ispettorato, ma anche da parte dell’Autorità Portuale, sia al più presto reso praticabile.

Nonostante l’alta professionalità dei lavoratori portuali e gli sforzi delle organizzazioni sindacali per contrattare regole sempre più efficaci in merito alla sicurezza sul lavoro, il lavoro portuale resta una delle attività dove maggiormente si nascondono le insidie e l’incidente della scorsa notte lo dimostra ancora una volta. Per questo motivo – conclude la nota – non avendo ancora avuto da parte del terminalista garanzie di poter operare in sicurezza, le operazioni sulla nave Celia sono tuttora ferme e non sono escluse altre iniziative di protesta che possano agire sugli organismi competenti a tutela del lavoro portuale”.