Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Hockey prato, serie B: il Genova 1980 non va oltre il pari con il Valchisone

Genova. Ultima giornata del girone di andata della prima fase. Sono di scena Genova 1980 e Valchisone. I biancorossi, alla ricerca della vittoria che li proietterebbe al primo posto in classifica, scendono in campo con Bertone tra i pali, Ferrari e Riccobene terzini, Ascione e Gatto centrali di difesa, Franza, Barrera e Scopesi mediani, Molecca e Coltelli esterni, Riva centr’avanti. A disposizione di mister Grioli Cappelli, Galvagno, Gioiella e Marmorato. Arbirano Borda e Cavallaro.

Il Genova 1980 si trova a dover giocare un ruolo inedito: fare gioco. La squadra, che di necessità ha fatto virtù, si trova più a suo agio quando deve difendere e ripartire in contropiede (4 reti subite: seconda migliore difesa del campionato) che quando deve dettare i ritmi della partita. Così, la prestazione corale, ma anche di quasi tutti i singoli, è sotto le righe. I genovesi non si avvantaggiano nemmeno quando, dopo dieci minuti, Borda mostra il cartellino giallo prima, e rosso dopo, a un giocatore del Valchisone, reo di aver ostacolato fallosamente Molecca, e poi di aver mandato a quel paese il direttore di gara che ne aveva sanzionato l’infrazione. L’episodio tatticamente non cambia nulla, perché la difesa piemontese non ne risente affatto.

Arriva invece, pesante, l’infortunio a Riva, che deve uscire anzitempo per uno stiramento. Grioli sposta Coltelli al centro e inserisce Galvagno a destra. Il Genova 1980 potrebbe passare al 20° con Molecca, ma il palo strozza in gola l’urlo di gioia del centrocampista biancorosso. Si va al riposo sulo 0 – 0, senza altri brividi.

Nella ripresa Grioli sostituisce un opaco Barrera con Cappelli, avanzando la posizione di Ascione. Senza quest’ultimo, però, la difesa guidata da Bertone non è più la stessa, e da un errore in impostazione di Gioiella nasce l’azione di contropiede che permette alla squadra di Villar Perosa di passare in vantaggio. Da lì in poi è un monologo biancorosso, con ripetute occasioni da goal per Ascione, Barrera, Scopesi, Coltelli. E’ proprio quest’ultimo, al 25°, a trovare la deviazione giusta dopo un corto tirato da Barrera e ribattuto dal giovanissimo e bravissimo Brunet.

Nonostante l’assedio finale, non c’è più tempo per ribaltare il risultato, anche perché la fine della partita viene fischiata, forse, con qualche minuto di anticipo; almeno secondo i cronometri delle due panchinea anche gli sportivissimi giocatori del Valchisone volevano continuare a giocare fino al termine.

Finisce così 1 – 1, con tanti rimpianti in casa Genova 1980: i locali hanno perso una grossa occasione per chiudere il girone di andata al primo posto e, per la classifica avulsa, sarebbe stato un primo posto solitario. Grande festa invece in casa Valchisone, al primo goal in campionato e al secondo punto in classifica.

Ad analizzare la partita a bocce ferme ci pensa Franza: “Adesso, nessuno si lamenti delle tante occasioni da goal sciupate. Che il Genova 1980 non sia una squadra a vocazione offensiva, dovrebbe essere noto. Piuttosto, non bisognava subire il goal! Per la classifica non cambia niente, se non la soddisfazione mancata di chiudere al primo posto. Ma siamo tutte lì. Nel girone di ritorno, sarà importante fare punti contro le squadre che passeranno la prima fase. Noi dobbiamo solo battere la Benevenuta per superarla e poi fare più punti possibile nelle altre partite. Da questo punto di vista oggi potevamo anche perdere, e non avrebbe fatto differenza”.

I risultati della 5° giornata del sottogirone B:
Rassemblement Piemonteis – HC Benevenuta 5 – 0
Genova Hockey 1980 – HC Valchisone 1 – 1

La classifica al giro di boa:
1° Rassemblement Piemonteis 7
1° Cus Genova 7
3° HC Benevenuta 6
4° Genova Hockey 1980 5
5° HC Valchisone 2

Nell’altro sottogirone l’HC Genova si è arreso di misura al Savona. I gialloblu, all’Arnaldi, sono passati in svantaggio su azione di corner corto e allo stesso modo, poco dopo, hanno trovato il pareggio. Dal momento del goal alla fine del primo tempo i genovesi hanno avuto il loro momento migliore, senza però sfruttarlo. Al rientro in campo i savonesi sono stati più decisi e sono stati ripagati con il goal vittoria.

Il giorno seguente l’HC Genova ha smaltito la rabbia per l’occasione sfumata sfogandosi sulle riserve del Cernusco, in un match non valido ai fini della classifica. I gialloblu si sono imposti per 4 a 1.

Il recupero della 3° giornata:
HC Savona – HC Genova 2 – 1
I risultati del 5° turno:
HC Torino – HC Savona 0 – 4
Hockey Cernusco riserve – HC Genova 1 – 4

La classifica del sottogirone A in attesa dell’incontro tra Cus Pisa e Liguria che chiuderà l’andata:
1° Savona HC 9 (4)
2° Cus Pisa 7 (3)
3° HC Genova 7 (4)
4° HC Liguria 3 (3)
5° HC Torino 0 (4)
Hockey Cernusco riserve fuori classifica