Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova contro i tagli alla cultura: venerdì musei gratis

Genova. Un milione di persone l’anno, questa la stima dei visitatori che periodicamente entrano nei musei genovesi. Le strutture culturali sono però oggetto di pesanti tagli contenuti nella manovra finanziaria di quest’anno. A questo proposito è stata indetta la mobilitazione nazionale “Porte chiuse – luci accese sulla cultura” contro i tagli del governo.

Venerdì prossimo anche Genova parteciperà con una serie di iniziative: durante il giorno entrata gratuita in tutti i musei, tranne quelli di Strada nuova, il museo della Laterna e l’abbazia di San Fruttuoso, che apriranno invece la sera, dalle 19 alle 23 sempre gratuitamente, una raccolta di fime per un appello sull’importanza strategica della cultura e la necessità di investimenti, in piazza Matteotti dalle 12 alle 14. In quelle due ore saranno chiusi anche i musei del Muma.
“Nella legge 122, alcune norme sono lesive dell’autonomia locale e disastrose per la cultura – ha detto l’assessore comunale alla cultura Andrea Ranieri, durante la presentazione dell’inziativa Anci e Federculture – non possiamo promuovere mostre ed eventi che superino il 20 per cento di quanto speso nel 2009, si rischia una grave limitazione delle sponsorizzazione di eventi e si eliminano di fatto gli sponsor privati dei teatri lirici visto che i consigli d’amministrazione vengono ridotti a cinque persone”. Ranieri ha poi sottolineato come la cultura sia il core business dell’Italia e “se crolla Pompei non crolla solo un pezzo di passato ma di futuro dell’Italia”.