Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Denuncia falsa clonazione targa per smentire tutor: smascherato dalla Polizia

Genova. Non aveva pensato alla prova fotografica, Salvatore N., 46 enne di Voghera che, beccato più volte dal tutor mentre sfrecciava a tutta velocità in autostrada, ha sempre negato di essere “colpevole”. Nonostante più volte, tra il febbraio e il luglio del 2010, il dispositivo di controllo avesse “pizzicato” la sua Mercedes andare in autostrada oltre i limiti di velocità consentiti, anche su un tratto della A26 (Genova Voltri – Gravellona Toce), l’uomo non si è dato per vinto e, indispettito, ha presentato denuncia sostenendo di non essere mai passato di lì nelle date “contestate” e di essere evidentemente vittima di una clonazione della targa della sua auto.

I modi sospetti dell’uomo hanno però portato la Squadra di Polizia Giudiziaria della Stradale di Savona ad indagare, mettendo sotto la lente di ingrandimento tutti i movimenti dell’automobilista. Una ricostruzione abbastanza facile dal momento che l’uomo, nei suoi spostamenti in autostrada, utilizzava il telepass: date e orari, infatti, sono risultati coincidere perfettamente con il momento in cui la “misteriosa” auto sfrecciava per la A26 finendo nel mirino del Tutor. Salvatore N., classe 1964, è stato così denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Genova per simulazione di reato e truffa.

La prova che lo ha definitivamente incastrato è costituita da una fotografia, scattata dagli apparecchi elettronici, in cui è stata immortalata la sua mercedes con il tettuccio apribile. Un particolare inconfondibile che non è sfuggito agli uomini della stradale.