Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Camera: approvato ordine del giorno di Mondello (Udc) a sostegno di Fincantieri

Genova.La Camera dei Deputati ha approvato oggi un ordine del giorno presentato dall’onorevole Gabriella Mondello (Udc), prima firmataria, insieme ai colleghi Mauro Libè, Salvatore Ruggeri, e Amedeo Ciccanti che impegna il Governo a considerare attentamente l’importanza del settore della cantieristica, sia dal punto di vista occupazionale che del prestigio per il nostro Paese.

“Effettuando – si legge nel documento – se necessaria una riorganizzazione che non porti comunque a nessun ridimensionamento della forza lavoro esistente, né alla chiusura di alcuna sede di cantiere, come quella di Riva Trigoso, fonte insostituibile di lavoro per un intero, vasto comprensorio. La cantieristica navale è un settore strategico dell’economia italiana, caratterizzato da alta intensità di lavoro ed elevati indici di innovazione tecnologica, senza peraltro comportare ripercussioni ambientali di segno negativo. La crisi economica in atto rischia di avere ripercussioni drammatiche e ricadute occupazionali gravissime nel settore della cantieristica e, in particolare, sul gruppo industriale Fincantieri, dove già circa 1600 lavoratori sono collocati in cassa integrazione e si stima di poter arrivare all’abnorme cifra di 2 mila unità alla fine del 2010.

Da parte della società Fincantieri vi è stato l’impegno a non procedere ad alcuna chiusura di cantieri e ripartire le attività tra le diverse unità produttive per mitigare l’impatto della crisi. Nonostante questo – scrive Mondello nell’ordine del giorno – sono circolate allarmanti notizie sulla ventilata chiusura di qualche cantiere, tra cui Riva Trigoso, o ridimensionamento di altri come il cantiere di Sestri Ponente. Ora non resta che attendere l’ulteriore audizione, presso la decima Commissione attività produttive della Camera con l’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono con la speranza di ottenere dalla società quelle assicurazione che le maestranza attendono ormai da diversi mesi”.