Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, Coppa Italia: il Genoa dilaga nei supplementari

Genova (Marassi). Dimenticare la sconfitta contro la Juventus e ricominciare con una vittoria il percorso intrapreso con mister Ballardini. Erano questi gli obiettivi del Genoa questa sera contro il Vicenza in Coppa Italia. Il Grifone, ampiamente rimaneggiato, è invece riuscito ad avere la meglio della compagine della serie cadetta solo ai tempi supplementari.

Il primo tempo, sonnolento e da dimenticare, si chiude sullo 0 a 0, con il Genoa padrone del campo ma incapace di chiudere a rete. La ripresa appare più pimpante, sia da una parte, sia dall’altra. L’equilibrio però è rotto proprio dai giocatori vicentini, con una zampata di Salifu al 18′ del secondo tempo.

Da quel momento comincia una partita diversa per il Genoa, che viene trascinata da uno degli uomini più criticati nell’ultimo periodo: Luca Toni. E’ infatti proprio il centravanti che, quasi allo scadere, riesce a guadagnare un calcio di rigore che proprio lui va a trasformare.

Nonostante l’arrembaggio finale il Genoa non riesce a evitare i supplementari, ai quali si presenta però sbloccato e con un gioco tanto rapido quanto incisivo. Toni al 2′ sigla la sua personale doppietta, e cinque minuti dopo è il giovane Destro a chiudere i conti mettendo il sigillo sul 3 a 1.

Il Genoa si regala così un ottavo di finale da brividi contro l’Inter, detentrice del trofeo. La squadra allenata da Benitez proprio questa sera ha superato il girone eliminatorio di Champions League battendo a San Siro il Twente per 1 a 0. Gli impegni dei nerazzuri potrebbero favorire il Genoa nello scontro diretto. Prima è però necessario che Ballardini recuperi tutti gli infortunati e dia una decisa impronta alla squadra.

Alla fine dell’incontro Ballardini ha dichiarato di tenere a questa competizione e che pretende che i giocatori la affrontino al meglio “Proprio per questo ero deluso dalla prestazione dei miei a fine primo tempo, ma poi ci siamo ripresi”.