Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Approdi turistici, il presidente Claudio Burlando traccia il punto della situazione

Più informazioni su

Regione. Tanti gli approdi turistici liguri, anche nella riviera di levante, basti pensare a Lavagna, Chiavari, Rapallo, Santa Margherita e Portofino, che spesso ospitano imbarcazioni da mille e una notte, di proprietà dei più famosi personaggi dello spettacolo o di magnate dell’imprenditoria mondiale. Il presidente regionale Claudio Burlando traccia il punto dell’attuale situazione: “Una quindicina di anni fa c’era un’occasione persa, che era appunto il turismo della nautica, infatti avevamo creato anche un decreto ad hoc per fare dei porti nuovi – spiega – ma ora dobbiamo farci delle domande. Prima di tutto dobbiamo chiederci se l’attuale crisi della nautica esprima ancora la necessità di posti barca o no. Mi  sembra che in tanti casi ci siano porti nuovi del tutto saturi”.

“Poi c’è il tema dei liguri, perché se si pensa ai porti per barche grandi è sempre più chiaro che vengano esclusi i piccoli natanti, che non possono permettersi di pagare prezzi esorbitanti. Ad essere penalizzati, quindi, sono gli abitanti del luogo – continua il presidente – Probabilmente è iniziata una nuova fase che segue quella in cui l’offerta è cresciuta moltissimo, raggiungendo l’obiettivo che la Regione si era posta quando 10 anni fa avevamo pensato di incrementare i posti barca da 14mila a 24mila. Noi ci siamo riusciti, al contrario di altre regioni, ma non credo che questa attività possa crescere all’infinito”.