Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Agroalimentare: sulle tavole genovesi tornano gli antichi ortaggi del Tigullio

Cinque ortaggi, quasi scomparsi da decenni, che nel corso dei secoli avevano caratterizzato la cucina del Levante ligure e del capoluogo sono stati riportati nelle case dei genovesi.

Sono il broccolo lavagnino, la gaggetta, la radice di Chiavari, la cipolla rossa e la melanzanina che con il marchio della Camera di Commercio di Genova ”Antichi Ortaggi del Tigullio” fanno capolino nei negozi più attenti alla qualità e alla tradizione. Lo annuncia Germano Gadina, presidente regionale ligure e provinciale per Genova di Coldiretti e membro della giunta della Camera di Commercio genovese.

”Sono una decina – dichiara – i coltivatori che producono queste varietà, tutti concentrati tra Chiavari e Lavagna. Cerchiamo di farli crescere nel numero e nella quantità della produzione. E’ un processo lento e difficile, anche per l’età’ avanzata degli agricoltori in generale. Per ogni nuovo agricoltore tre anziani lasciano l’attività’, ma ora si registra un’inversione di tendenza, dovuta anche alla difficoltà di trovare lavoro in altri settori”.

”Perchè si diffonda la coltivazione di questi antichi ortaggi – spiega Gadina – il consumatore deve vedervi un valore aggiunto rispetto agli altri prodotti e ed essere disposto a pagarlo. Mercati e negozi sono pieni di ortaggi, di buona qualità, che vengono dal Sud, da Latina, dal Triveneto. Questi cinque ortaggi e gli altri prodotti tipici e tradizionali hanno qualità che bisogna conoscere. Ma si stanno diffondendo, noi cerchiamo di accorciare la filiera, puntando sulle piccole rivendite e la vendita diretta”.

Per proteggere e valorizzare un patrimonio del genere, la Camera di Commercio ha avviato un programma di diffusione delle denominazioni di origine e dei marchi collettivi nel settore agroalimentare e dell’artigianato. E ha sviluppato un’esperienza nel campo della certificazione dei prodotti di qualità: all’inizio solo sui vini a Doc (Denominazione di origine controllata), in seguito sulle Dop (Denominazione di origine protetta), Igp (Indicazione geografica protetta) e sui Mcg (marchi collettivi geografici) riconosciuti.

Attualmente nella provincia di Genova sono riconosciuti i prodotti agroalimentari: Vini Doc Golfo del Tigullio e Val Polcevera e Vini Igt Colline del Genovesato, Olio extravergine di oliva Dop Riviera Ligure, Basilico Genovese Dop, Crescenza Genovese Mcg, U Cabanin, formaggio di latte crudo di sola mucca Cabannina Mcg, Antichi ortaggi del Tigullio Mcg. Sono in fase istruttoria le domande di riconoscimento di Acciughe sotto sale del Mar Ligure Igp, Focaccia col Formaggio di Recco Igp, Salame Genovese Igp.