Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sabina Rossa: “Istituita Giornata nazionale per vittime disastri ambientali e industriali e Legge Lazzati”

Si e’ consluso ieri l’iter parlamentate per l’istituzione della Giornata Nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali causati dall’incuria dell’uomo e l’approvazione della ‘Legge Lazzati’ sul divieto di svolgimento di propaganda elettorale per le persone sottoposte a misure di prevenzione.

“Sono molto soddisfatta per l’esito positivo – dichiara Sabina Rossa, deputata genovese del Pd – L’istituzione di una ‘giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industruali causati dall’incuria dell’uomo’ vuole proporre una riflessione sui grandi costi in termini di vite umane che la dissennata crescita industriale ha comportato quando non ha rispettato il territorio e gli equilibri ambientali. Un tema di drammatica attualità in un Paese come l’Italia esposto al continuo rischio di tragedie naturali per ragioni legate alla conformazione del territorio che richiama tutti ad una maggiore responsabilità politica di fronte a catastrofi che non possono essere definite solo naturali al fine di dare maggiore impulso alle politiche di prevenzione per incentivare il rispetto dell’ambiente. Una riflessione da proporre alle giovani generazioni nelle scuole di ogni ordine e grado con attività di informazione e sensibilizzazione di rispetto per l’ambiente.
La Legge Lazzati – ha poi aggiunto l’onorevole Rossa- diviene uno strumento concreto ai fini della lotta alla criminalità organizzata che colpisce l’attività di propaganda elettorale, un anello decisivo della catena mafia-politica. Riguarda il fenomeno dell’inquinamento mafioso delle Istituzioni elettive (Comuni, Province, Regioni, Parlamento) al momento della competizione elettorale e mira a privare le associazioni malavitose di un potere contrattuale importante quale la raccolta del voto. In vent’anni sono stati 185 i comuni italiani sciolti per mafia.
Non è più tollerabile che il nostro ordinamento permetta a persone sorvegliate speciali per reati di mafia chiedere e raccogliere voti in favore di candidati. Questi due risultati dimostrano l’attenzione del Partito Democratico a temi importanti per tutto il Paese e l’impegno quotidiano fatto dal nostro partito nelle aule parlamentari al fine di lavorare per una seria alternativa a questo governo che non si interessa dei problemi reali che interessano i cittadini”.