Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

S. Margherita, Giunta comunale: “Salvaguardare autonomia cittadini svantaggiati”

Santa Margherita. Il Sindaco Roberto De Marchi, l’assessore ai servizi sociali Maurizio Tuseo e il capogruppo di Gente per Santa Vera Cattoni, in previsione dell’imminente apertura dell’ospedale di Rapallo, hanno inviato una lettera al direttore dell’ASL 4 Paolo Cavagnaro sulla piastra ambulatoriale che sorgerà a Santa Margherita.

Due gli obiettivi: avviare la discussione sui servizi erogati e sottolineare la necessità che vengano mantenuti attivi, presso il polo di Santa Margherita, tutti gli ambulatori che non necessitino di un collegamento immediato con le strutture di ricovero ospedaliero, senza chiusure e o flessioni. “Dove possibile, anzi, si chiede che i servizi vengano potenziati con particolare riguardo agli sportelli amministrativi compatibili con sistemi di collegamento telematico. Valgano, ad esempio, i casi relativi al cambio del medico di base o la prenotazione di esami specialistici – spiegano – A ciò potrebbe inoltre aggiungersi un punto di accesso per lo sportello distrettuale integrato”.

L’amministrazione comunale ha quindi precisato che le attività ambulatoriali dovranno essere mantenute anche durante i lavori per la realizzazione dell’autorimessa interrata vista la possibilità di accedere all’edificio dalla parte posteriore. Anche in fase di ristrutturazione della piastra ambulatoriale, tuttavia, dovranno essere concordate modalità di accesso che consentano, eventualmente a regime ridotto, l’utilizzo di alcuni servizi minimi ed essenziali concordando con le ditte incaricate della ristrutturazione tempi per quanto possibile contenuti. Ciò perché la perdita anche temporanea di un collegamento con le strutture sanitarie territoriali costituirebbe per tutta la popolazione, soprattutto quella anziana, un disagio eccessivamente grave.

“Questo documento è il frutto di un lavoro avviato dal mio assessorato, su mandato del Sindaco, in collaborazione con alcuni consiglieri comunali di Gente per Santa – dichiara Tuseo – Ne è emersa una visione della struttura che intendiamo sviluppare, in accordo con ASL, nell’interesse dei cittadini di Santa Margherita e del distretto socio-sanitario. Chiave di lettura delle nostre riflessioni è il concetto di autonomia, ossia la possibilità da parte di tutti i cittadini di accedere a servizi sanitari di base senza incorrere nelle difficoltà insite, per alcune categorie svantaggiate, negli spostamenti extra-comunali”.

“Nel corso del prossimo consiglio comunale, in cui sarà discussa una mozione sul tema – afferma il Sindaco, Roberto De Marchi – auspico si possa giungere a un ordine del giorno unanime. Quello che ci deve accomunare è il desiderio di scrivere il miglior epilogo possibile di una vicenda che la città, a fronte di scelte dolorose calate dall’alto, ha affrontato con realismo e senso di responsabilità”.