Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Processo Rasero, parla la ex: ”Si drograva, ma non ho mai temuto per i nostri figli”

Genova. All’udienza di questa mattina per il processo intentato nei confronti di Antonio Rasero ha partecipato come testimone chiamato dal pubblico ministero anche l’ex compagna dell’imputato, Carolina Villa, madre dei due figli di Rasero.

La Villa ha dichiarato di essere stata la compagna di Rasero dal 2005 al 2009 periodo in cui ha avuto insieme all’imputato due figli, nati a 14 mesi di distanza, il primo nell’ottobre 2006 e il secondo nel novembre 2007. Rasero ha lavorato come dipendente nell’attività della Villa dal 2003 fino al 2009, quando dopo la fine del loro rapporto ha lasciato anche il posto di lavoro.

Nel corso del dibattimento, condotto inizialmente dal pubblico ministero Marco Airoldi e poi dagli avvocati della difesa, Carolina Villa ha risposto in maniera molto equilibrata e pacata. L’ex compagna di Rasero ha confermato che l’imputato faceva uso di stupefacenti. Se n’è accorta intorno al 2008, dichiarando che il suo compagno aveva cambiato alcuni tratti del carattere, divenendo più distratto anche sul posto di lavoro. Si era accorta dell’uso di droga compiuto da Rasero anche per alcune inequivocabili tracce lasciate in casa dall’imputato.

Stimolata dalle domande del pubblico ministero e dagli avvocati della difesa ha poi chiarito il rapporto di Rasero con i suoi due figli. Rasero, durante i primi mesi successivi alla separazione, ha contribuito al loro mantenimento. Hanno stipulato accordi per far sì che l’imputato potesse incontrarli, ma l’accordo prevedeva che l’incontro dovesse avvenire in presenza di una persona fidata. Esortata dagli avvocati affinché spiegasse perché Rasero non potesse vedere i figli da solo, Caterina Villa ha risposto che dipendeva solo da questioni logistiche. I bambini sono ancora piccoli ed è difficile prendersi cura di entrambi senza un aiuto.

Insomma con una deposizione che è apparsa serena, Carolina Villa ha sì ulteriormente confermato che l’imputato faceva uso di stupefacenti, che ha iniziato un periodo di cura dal pranoterapeuta che non sa se ha proseguito, ma ha fermamente negato la possibilità che il suo ex compagno potesse far uso di violenza nei confronti dei figli.