Palazzo Ducale ospita un ciclo di incontri sui disturbi alimentari

Palazzo ducale

Genova. Da martedì 26 ottobre il Palazzo Ducale di Genova ospita “Ciò che non sei”, un ciclo di incontri che vuole approfondire le ragioni e gli effetti sociali di dell’utilizzo del corpo come strumento di affermazione, esplorando anche situazioni quali i disturbi del comportamento alimentare in continuo aumento, soprattutto fra i più giovani.

I disturbi alimentari colpiscono in particolar modo le donne, ma anche negli uomini sono in aumento fenomeni di carattere aggressivo.

I dati forniti da Asl 3 dicono che a Genova ogni anno si presentano nei Centri specializzati circa 1000 persone, di cui i 2/3 di propria volontà. I casi che vengono poi seguiti dal Centro dei Disturbi del Comportamento Alimentare genovese sono circa 500 all’anno. Attualmente i più colpiti sono i nati fra il 1991 e il 1995, dei quali il 37% sono studenti. Grazie ad un’informazione maggiore, sono aumentate le percentuali degli invii dei pazienti ai centri da parte dei medici di famiglia: erano il 16% fra il 2008 e il 2009 e sono diventati il 27% fra il 2009 e il 2010.

Il ciclo è organizzato da Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, A.F.co.D.A. Ass. Familiari contro i Disturbi Alimentari Genova, con il supporto del Centro dei Disturbi del Comportamento Alimentare A.S.L. 3 Genovese.
Ciascun incontro prevede la presenza di un personaggio di spicco, con legami riconoscibili con il tema proposto, che espone la propria visione sul tema, accompagnato o seguito da medici psichiatri, psicologi o rappresentanti della cultura che completano con proprie riflessioni l’esplorazione del tema.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.