Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Nino Miceli nuovo capogruppo Pd in Regione: “Nessun conflitto d’interessi per Paita”

Regione. Cambio di nomine in via Fieschi. Dopo le dimissioni di Ezio Chiesa e la nomina di Raffaella Paita, il nuovo assessore alle infrastrutture della Giunta Burlando, oggi è stato eletto anche il capogruppo Pd in consiglio regionale, Nino Miceli, a cui si affiancherà Valter Ferrando in qualità di vice. “I consiglieri del Pdl parlano di Giunta Burlando al capolinea ma a me pare che siano loro ad aver perso l’ autobus- ha dichiarato subito Miceli- Il presidente Burlando, infatti, con la volontà di esecuzione che sta caratterizzando l’avvio di questo secondo mandato, ha immediatamente risolto il problema delle dimissioni di Chiesa con la nomina di Raffaella Paita che – ha aggiunto Miceli – è stata il nostro capogruppo in questi mesi svolgendo il compito con determinazione e competenza. Credo che il suo impegno e le sue capacità saranno di grande supporto alla Giunta per la risoluzione delle tematiche relative alle infrastrutture e non solo. Per quanto riguarda le insinuazioni sul conflitto d’ interessi, ribadisco che Luigi Merlo ricopre una carica istituzionale super partes, non è un terminalista e non coltiva interessi privati nello svolgere il suo ruolo. E a parte questo, il presidente ha tenuto per sé la delega ai porti”. Infine, Miceli parla delle dimissioni di Ezio Chiesa: “hanno certamente scosso e creato malumori nel partito. Pur non condividendo la scelta, da domani lavorerò insieme al segretario regionale per ricucire questo strappo”. Anche il nuovo assessore Paita sulla vicenda aveva dichiarato “A Chiesa il massimo rispetto personale. Non ho condiviso la sua scelta di lasciare il partito e credo che il presidente della Regione, Claudio Burlando e il segretario regionale del PD, Lorenzo Basso abbiano fatto di tutto per ricucire. Ora può aprirsi una fase nuova nella quale é auspicabile un recupero del rapporto nell’ interesse della maggioranza”.