Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Processo Delfino, un testimone: “Un urlo straziante, ho pensato: hanno ammazzato qualcuno”

Genova. Continua la sfilata dei testimoni e delle persone informate sui fatti relativi all’omicidio avvenuto nei vicoli di Genova nella notte del 28 aprile 2006. Ad essere sentiti dal Pubblico Ministero Enrico Zucca, tra gli altri, il dirigente in servizio all’epoca della squadra mobile, un residente e una dj, che nel 2006 lavorava in un locale in via Mascherona.

Stefano S., un 27enne che abitava in via Giustiniani, assieme ai genitori e che si trovava a casa al momento dell’omicidio, ha riferito che quella sera era rientrato a casa verso le 23 e si era messo a guardare la televisione.

Il ragazzo ha dichiarato alla corte di essere abituato a sentire rumori, grida e schiamazzi, specialmente nei week end: ” Però quell’urlo era qualcosa di straziante, qualcosa di diverso dal solito. Ho subito pensato: hanno ammazzato una ragazza”.

Stefano ha poi riferito di essersi scambiato un messaggino telefonico con una sua amica, con la quale aveva appuntamento, chiedendo di ” controllare cosa fosse successo”.

Ad essere ascoltata questa mattina è stata anche l’amica di Stefano, Viviana C., in quel periodo DJ del Mascherona. La ragazza, una trentenne genovese, ha raccontato, con molta fatica, che ricordava lo scambio di SMS, ma che aveva letto il messaggio solo a serata finita, quando la voce che qualcosa fosse successo si era gia’ sparsa.