Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, convalidati arresti degli ultrà serbi

Genova. Agg. h. 12.25. Anche gli arresti degli ultimi due degli otto ultrà serbi arrestati dopo i disordini allo stadio Ferraris sono stati convalidati. Come per gli altri, anche per loro il gip Maurizio De Matteis ha disposto la custodia cautelare in carcere. I due, difesi dall’avvocato d’ufficio Mauro Traxino, sono accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e agli steward dello stadio.

Gli ultrà si sono detti estranei ai fatti. Il consolato serbo di Milano si è attivato negli ultimi giorni per far avere agli avvocati difensori i certificati di lavoro e anche i certificati penali dei quattro arrestati interrogati stamani, che risulterebbero tutti e quattro incensurati.

Sono continuati stamattina gli interrogatori nel carcere di Marassi, dove sono trattenuti quattro degli otto ultrà serbi protagonisti dei disordini avvenuti nella notte fra martedì e mercoledì, durante e dopo l’incontro Italia – Serbia.

I tifosi, difesi dagli avvocati d’ufficio Stefano Sambugaro ed Elisabetta Feilliene, sentiti stamani dal gip Maurizio De Matteis, sono accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Lunedì i difensori incontreranno il pm Cristina Camaiori per decidere se patteggiare o andare a giudizio.

Gli arresti sono stati convalidati per due dei quattro e per loro il gip Maurizio De Matteis ha disposto la custodia cautelare in carcere. Si tratta di Goran Tanic, di 30 anni, croato e Nenad Radovic, 20 anni serbo. Tanic, accusato di resistenza a pubblico ufficiale aggravata, si è dichiarato innocente. “Non ho fatto niente – ha detto al gip – anzi sono stato aggredito”.

Il ragazzo infatti ha una ferita e un trauma cranico. Anche Radovic si è dichiarato estraneo ai fatti e ha detto di non conoscere Ivan Bogdanov e di non fare parte di alcuna tifoseria organizzata. I due hanno inoltre detto al giudice di essere stati minacciati a Marassi dai detenuti albanesi e di voler essere trasferiti. Il gip ha preso atto delle dichiarazioni ed ha avvisato il direttore del penitenziario, Salvatore Mazzeo, per disporre misure di sicurezza.