Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, 5 anni di reclusione per lo scippatore delle pensioni

Genova. Cinque anni di reclusione per una serie di scippi ai danni di donne. E’ stata questa la condanna emessa dal giudice per l’udienza preliminare Adriana Petri a Gennaro Costabile, di 29 anni,  il giovane accusato di cinque furti con strappo e una rapina, tutti commessi tra il 20 novembre e il 3 dicembre dello scorso anno.

Secondo le indagini, Costabile individuava le sue vittime di fronte agli istituti postali o alle banche il giorno del pagamento delle pensioni o delle tredicesime, le pedinava e, una volta arrivate in casa, le aggrediva alle spalle rapinandole. In un episodio, aveva colpito con un pugno un’anziana di 94 anni che aveva cercato di resistere trattenendo la borsa. Quest’ultima aveva fornito agli investigatori alcuni particolari che avevano portato all’identificazione dello scippatore: tuta cerata gialla e un casco chiaro con un adesivo. Gli indumenti erano stati poi ritrovati in casa della fidanzata del giovane.

Costabile si era giustificato dicendo che i soldi sottratti alle donne gli servivano per comprare la droga. Per questa ragione, in un primo momento, gli erano stati concessi  gli arresti domiciliari in una comunità terapeutica, da cui però era stato allontanato perché non rispettava le regole. Da quel momento il ragazzo era stato trasferito in carcere.

Costabile, assistito dall’avvocato Mario Iavicoli, non ha potuto evitare la condanna e l’obbligo del pagamento di 1.500 euro di multa.