Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rapinava con il coltello i frequentatori della movida: in manette 35enne

Si tratta di un pregiudicato residente a Santa Margherita. Vittima un genovese ventenne ma altri episodi sono al vaglio della squadra mobile

Più informazioni su

Genova. Aveva rapinato un 20enne genovese minacciandolo con un coltello per poi farsi consegnare 50 euro, ma potrebbe essere l’autore di altri episodi simili. Protagonista un 35enne pregiudicato residente a Santa Margherita ma che di fatto vive a Genova.

Il provvedimento è stato adottato in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere da parte del gip. Le indagini condotte dalla squadra Mobile e coordinate dalla Procura hanno consentito di raccogliere a carico dell’uomo gravi indizi in relazione ad alcune rapine in strada.

Per quel che riguarda la rapina al 20enne, i fatti sono stati commessi in via delle Fontane. Nell’occasione il 35enne aveva avvicinato il giovane con un pretesto conquistando la sua fiducia, salvo poi rivelare le sue reali intenzioni, facendosi consegnare 50 euro in contanti sotto la minaccia di un coltello.

Gli investigatori della sezione criminalità diffusa, ascoltata la vittima, hanno estrapolato ed analizzato alcune immagini di videosorveglianza che avevano ripreso il passaggio del rapinatore, soffermandosi su alcuni dettagli della sua fisionomia e del suo abbigliamento.

Alcune settimane dopo, gli stessi investigatori durante un intervento in via Gramsci, si sono imbattuti in un individuo del tutto corrispondente, per caratteristiche fisiche ed abbigliamento, al soggetto ricercato per la rapina di via delle Fontane. Gli accertamenti successivi hanno consentito di raccogliere rilevanti elementi a supporto dell’indagine che si è conclusa nella mattinata di ieri con l’arresto del colpevole.
L’uomo, rintracciato in via Burlando, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico tipo “roncola” ed è per questo stato denunciato anche per porto abusivo di armi od oggetti atti a offendere.

Sono in corso ulteriori indagini volte a verificare la responsabilità del 35enne con riferimento ad altri fatti analoghi commessi nel centro storico.