Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il “Made in Liguria” non viaggia più. Crolla l’export manifatturiero di Genova

La nostra regione tra le peggiori del paese. L'analisi dei dati Istat da parte di Confartigianato

Genova. I dati Istat mettono in luce un trend negativo delle esportazioni liguri nel primo trimestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2017: il calo è il più forte d’Italia.

Dopo un ottimo 2017 per l’export della Liguria, il primo trimestre 2018 si apre con il segno meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Gli ultimi dati Istat, elaborati dall’Ufficio studi di Confartigianato, mostrano la Liguria fanalino di coda in Italia per dinamica dell’export manifatturiero, totale e artigiano.

A fronte di una crescita nazionale del 3,5% (107,7 miliardi di euro), la Liguria frena del 9,5%, a quota 1,48 miliardi di euro di esportazioni totali. L’export del manifatturiero artigiano ligure, che vale 197,5 milioni di euro, arretra con un -17,9%.

A livello regionale, le quote più consistenti di esportazioni di made in Italy si rilevano in Lombardia (30,6 miliardi di euro, +7,5%), Veneto (quasi 15 miliardi, +3,8%) ed Emilia Romagna (14,76 miliardi, +3,9%). Oltre alla Liguria, performance tendenziali negative solo in altre quattro regioni italiane: Puglia (-6,1%), Marche (-2,3%), Lazio (-1,2%) e Sardegna (-0,9%).

È Genova a “crollare” nel primo trimestre dell’anno, registrando un -15,3% a fronte di 885,3 milioni di euro di export manifatturiero totale. Di questi, per 119 milioni si tratta di esportazioni di manifatturiero artigiano, calato del 25,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Trend negativo anche per La Spezia: -3%, 155,8 milioni di euro di export totale. 31 milioni si riferiscono alle esportazioni artigiane, diminuite del 12,4%. Primo trimestre positivo invece per Imperia: l’export totale cresce del 14,6% e vale 69 milioni di euro. In calo le esportazioni manifatturiere artigiane (-5,5%), che pesano per 31 milioni di euro.

Infine Savona: andamento invariato per ciò che riguarda i 370 milioni di euro di export totale, in aumento del 42% le vendite all’estero del made in Italy artigiano, che pesano per 16,3 milioni.