Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ilva, la Fiom: “Il Governo la prenda in mano e investa per rilanciarla prima di venderla”

Manganaro: "Vergognosa l'aula vuota del Parlamento". Su Mittal: "Lotteremo per impedire esuberi"

Genova. “Genova. “Il governo prenda in mano la situazione: investa sull’Ilva e metta su un gruppo di dirigenti capaci in modo da rilanciarla e poi rivenderla visto che se sarà necessario rifare una gara ci vorranno comunque parecchi mesi”. E’ l’esortazione della Fiom genovese al ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio dopo i rilievi alla gara vinta da Mittal Mittal per l’acquisizione dell’Ilva sollevati dal presidente dell’Anac Raffaele Cantone.

“Già nel 2012 l’allora commissario Enrico Bondi – ricorda il segretario della Fiom Bruno Manganaro – aveva in mente questa strada e l’aveva intrapresa finché non venne silurato da Renzi. E così l’Ilva che allora valeva 8-9 miliardi di euro oggi rischia di essere svenduta a meno di due e Mittal ha al momento tutte le carte in mano grazie al comportamento del precedente Governo: può comprarla alle sue condizioni oppure lasciare sapendo che in questa situazione non sarà facile trovare un’alternativa”. Un quadro non semplice che sta suscitando anche vari attacchi nei confronti del Governo: “Evidentemente il governo si trova in difficoltà a causa del lascito dei predecessori, ma la cosa più vergognosa è stata venerdì quell’aula vuota del Parlamento di fronte a cui ha parlato Di Maio”.

Per la Fiom “la proposta di Mittal resta irricevibile, qualunque governo intenda proporla perché come si può vedere anche dall’ultima nota dell’azienda se c’è qualche apertura sulla parte ambientale non una parola ancora una volta viene detta sull’occupazione e 4 mila esuberi di cui 600 a Genova per noi sono inaccettabili. Faremo di tutto per impedirlo”.
.