Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Amt, ancora una giornata di verifica intensivi. A Principe “beccati” 125 “portoghesi”

Genova. l piano di contrasto all’evasione di AMT ha segnato questa mattina una nuova tappa. Ad essere sottoposta al controllo allargato dei Verificatori Titoli di Viaggio è stata Principe.

La verifica intensiva si è svolta in piazza Acquaverde dalle 7.00 alle 12.00 al capolinea ed alle fermate di transito delle linee 3, 20, 32, 34, 35, 35/, 36, 38 e 54. A seguire la fase iniziale di controllo anche il Vicesindaco Stefano Balleari e l’Amministratore Unico di AMT Marco Beltrami.

I 12 Verificatori Titoli di Viaggio di AMT, in collaborazione con due agenti della Polizia Municipale, hanno controllato 1250 passeggeri riscontrando 125 situazioni di mancanza del titolo di viaggio, pari a un tasso di evasione del 10%. 37 dei 125 sanzionati hanno regolarizzato immediatamente la loro posizione pagando l’oblazione di euro 41,50.

Il tasso di evasione rilevato questa mattina è sostanzialmente in linea con i dati riscontrati nelle verifiche intensive svolte presso le fermate e i capolinea bus durante il giorno.

“Stiamo proseguendo con queste campagne sistematiche di controlli intensivi – ha dichiarato Marco Beltrami Amministratore Unico di AMT – Riscontriamo gradimento da tutti i passeggeri in regola che rappresentano la grande maggioranza. E’ nostra intenzione dimostrare con azioni come questa e altre che stiamo valutando l’attenzione che poniamo al contrasto all’evasione”.

“È fondamentale continuare a contrastare il fenomeno dell’evasione tariffaria. L’amministrazione supporta fortemente l’azienda nelle tante e diverse iniziative che mette in campo per perseguire questo obiettivo – è il commento del Vicesindaco Stefano Balleari intervenuto questa mattina nel corso dei controlli – Per questo seguo personalmente le azioni di verifica intensiva, per testimoniare che l’amministrazione le condivide e le sostiene. È una forma di rispetto verso le tante persone oneste che pagano per utilizzare il trasporto pubblico della nostra città”.