Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

San Martino, quartiere sul piede di guerra per centro commerciale sotto il Carlini

Le prime indiscrezioni di un possibile progetto accolte con rabbia dai cittadini

Genova. Pochi giorni fa sono uscite sui giornali le prime indiscrezioni su un’ipotesi di progetto di intervento sullo Stadio Carlini, con la contestuale costruzione di un grande centro commerciale.

Il progetto è ancora alla fase poco più che embrionale, e l’iter è ancora lontano da essere attivato, ma l’uscita delle prime immagini ha fatto rabbrividire molti residenti del quartiere. Nel dettaglio si parla di 10mila metri quadrati di store, ricavato sopraelevando il campo da gioco, più un vasto parcheggio.

La storica struttura sportiva sarebbe totalmente “rivoluzionata”: l’impianto perderebbe il velodromo e le tribune lato Corso Europa, e il campo da gioco, ridotto alla sola superficie “giocabile” (dal disegno risultano cancellate le due “anse” oggi utilizzata per altre attività sportive) sarebbe “ruotato” in modo da essere parallelo a via Tagliamento.

Un disegno accolto con pochissimo entusiasmo dai residenti e commercianti della zona; sui social, soprattutto nei gruppi territoriali, il malumore è evidente: il progetto non piace perchè renderebbe l’impianto un’ulteriore “servitù” per il quartiere.

Sotto accusa l’impatto devastante che potrebbe avere sulla “economia locale” fatta di tanti esercizi commerciali, piccole e medie imprese, che tengono vivo il quartiere, ma anche l’aumento di traffico e l’incertezze legate alla gestione e fruizione delle attività sportive, oggi gestite dal Cus.

Ma non solo: per un intervento del genere (per cui pare Le Roy Merlin abbia pronti 32 milioni di euro) si teme un’incompiuta come il silos dell’ospedale, che, sebbene oggi forse in fase di risoluzione, per anni è stato esempio di scempio e soldi buttati.

Insomma, un progetto, anzi, un’idea che farà sicuramente discutere e che rischia di non scontentare tutti. Tranne chi ci deve fare business, ovviamente.