Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fiaccolata per il ragazzo ucciso, oltre 250 persone hanno sfilato per tutta Sestri Ponente fotogallery

Deposto davanti alla casa della tragedia uno striscione "Giustizia per Jeff"

Genova. Hanno sfilato indossando magliette bianche e portando ognuno una candela le oltre 250 persone che hanno ricordato Jefferson Tomalà, morto domenica scorsa in casa, in via Borzoli a Sestri Ponente, ucciso da un agente di polizia dopo l’accoltellamento del collega.

Hanno gridato “giustizia” nel corso del tragitto: partiti da piazza Poch, attraversando via Sestri per arrivare davanti al portone di casa. Presente anche la compagna di Tomalà che in lacrime dice: “Io potevo salvare Jeff, ma quando sono arrivata, 10 minuti prima che fosse ucciso, i poliziotti mi hanno impedito di entrare nella camera dove si era rinchiuso. Io lo avrei calmato. Poi ho sentito i colpi di pistola, tanti…”.

Alla fiaccolata hanno preso parte anche i fratelli del ventunenne morto. Fra i manifestanti anche gli amici, lavoratori, ma anche studenti. Tante le domande che ancora non hanno risposta. “Perché lo hanno ammazzato? Jeff era buono e altruista. Non avrebbe fatto del male a nessuno se non fosse stato provocato. Ora chi ha sbagliato deve pagare”.

fiaccolata per jefferson tomalà

La manifestazione si è conclusa come una sorta di cerimonia laica: ricordi del ragazzo raccontati a voce alta dai partecipanti, che poi hanno deposto le candele e uno striscione: “Giustizia per Jeff”.