Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Due carri armati della ristorazione insieme per il nuovo “Muscoli” alle piscine di Albaro

Roberto Costa, imprenditore di successo a Londra e Luca Collami, chef stellato: la nuova creatura apre questo venerdì

Genova. Prendente uno chef “stellato” come Luca Collami, un imprenditore della ristorazione che ha conquistato Londra come Roberto Costa, e un prodotto semplice ma perfetto come i muscoli. Perché a Genova noi li chiamiamo così, non li chiamiamo cozze.

Si chiama proprio Muscoli anche il ristorante che, dall’unione di questi soggetti, aprirà i battenti questo venerdì all’ingresso di Arena Albaro Village, alle piscine di Albaro. Come suggerisce il nome, il cuore del menù saranno proprio i molluschi, in tutte le loro sfumature.

“L’obiettivo principale è valorizzare la tradizione genovese – spiegano i gestori – dando risalto alle diverse interpretazioni dei mitili, non soltanto liguri ma anche europei. La costante ricerca assoluta del prodotto è infatti il faro che guida la cucina del locale. In base al piatto, i muscoli forniti da Ligurmar dei cugini Morando sono interpretati per far emergere le svariate tonalità dell’ingrediente come elemento centrale dell’esperienza a tavola”.

Per esempio? Le caratteristiche del muscolo galiziano trovano la loro massima realizzazione per la ricetta del muscolo ripieno, mentre il sapore dei mitili delle coste di La Spezia si esalta nella formula rinnovata del tocco alla genovese.

Il padre del locale è Roberto Costa: una carriera iniziata come lavapiatti nel ristorante del padre a Cornigliano e oggi nominato ambasciatore del gusto dalla Camera di Commercio, nel 2012 ha aperto a South Kensington, a Londra, il ristorante macelleria “Il Macellaio”, elogiato anche sulle pagine del quotidiano britannico The Guardian. Con lui Luca Collami, stimato chef dello storico Baldin, poi a Capo Santa Chiara e poi impegnato in altre avventure. Quello che in cucina si potrebbe definire “una certezza”.

L’interno del locale – definito da Roberto come un “gran casino ordinato” – è dominato dalla presenza di una giostra elicoidale. Questo sarà lo scenario principale, in cui cuochi e barman dialogheranno per dare agli ospiti un’esperienza di ristorazione unica in città.

Sotto l’ombra dei pini marittimi, nel giardino esterno di 400 metri quadrati, si potranno gustare i piatti del locale e aperitivi con bollicine italiane e francesi, e, tra gli altri prodotti, anche esclusivi liquori di un opificio di Millesimo.