Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cornigliano, assegnato l’appalto per il “giardino lineare”: nel quartiere arriva un po’ di verde

Il progetto nasce dalla decisione di Rfi di non realizzare il previsto terzo binario in affiancamento alla strada Guido Rossa

Genova. Sviluppo Genova ha sottoscritto con l’appaltatore (ATI Consorzio Stabile A.L.P.I. S.c.a.r.l. – Euroambiente S.r.l.) il contratto di appalto per la realizzazione del cosiddetto giardino lineare.

Si tratta di un intervento che prevede l’allestimento di un’amplia area verde suddivisa in diverse zone omogenee: il giardino dei deserti, le erbe delle praterie, i fiori del nuovo mondo, colori e profumi mediterranei, l’oliveto ligure, il giardino esotico e la rotatoria. Una consecuzione di ambienti, differenti tra loro e identificabili da caratteri vegetali variabili.

“Tutto questo – spiegano i progettisti – consentirà al visitatore/fruitore di percepire diversità ambientale pur percorrendo un lungo tratto di percorso lineare. Altro obiettivo è quello di creare una varietà tra una zona e l’altra cercando di restituire al visitatore occasioni di novità e stupore”.
 
Al fine di controllare e minimizzare gli impatti del cantiere, l’azienda appaltatrice ha firmato un accordo con Rete Clima che si occuperà del calcolo del carbon footprint (l’impronta di carbonio) prodotto dal cantiere. Carbon footprint è una misura che esprime il totale delle emissioni di gas ad effetto serra associate direttamente o indirettamente ad un prodotto, ad un’organizzazione o ad un servizio. 
 
Nel corso del cantiere è inoltre prevista l’installazione di una centralina di rilevamento dei dati dei livelli inquinanti. “Il dispositivo – è stato spiegato durante l’incontro – sarà costantemente collegato con un centro di elaborazione al fine di monitorare le emissioni derivanti al cantiere. Si tratta di un’iniziativa di indubbio valore – ha sottolineato Franco Floris –  tanto che si potrà affermare che il cantiere del giardino lineare avrà un impatto zero”.  Eventuali superamenti delle soglie saranno subito indagate e si valuterà quindi la causa al fine di favorire il ritorno delle condizioni ottimali.