Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Al via il valzer degli allenatori: Poggi, Schiazza, Spissu e Fanan al passo d’addio

Tra addii eccellenti e conferme varie, parte il mercato allenatori

Genova. La separazione consensuale tra Pietro Buttu ed il Finale, retrocesso in Eccellenza, ha messo in moto una reazione a catena, che ha portato agli addii di Poggi (Baiardo), Schiazza (Molassana), Spissu (Serra Riccò) e Fanan (Valdivara).

Il Baiardo e mister Guido Poggi hanno deciso di interrompere un sodalizio sportivo, durato 35 anni, sommando quelli da giocatore, da responsabile tecnico del settore giovanile e da allenatore e se non è un record, poco ci manca!

Quello che “fa strano”, è il fatto che la separazione sia avvenuta, dopo il ritorno in Eccellenza dei ‘draghetti’…

Come da buona prassi, la società di via Mogadiscio ha ringraziato il tecnico genovese, per l’attività (e non solo tecnica), svolta all’interno della società, augurandogli le migliori fortune calcistiche.

Evidentemente, tra Poggi e la società sono venuti a mancare i presupposti, per andare avanti, causa la diversità di vedute sulla condivisione dei programm e ciò ha portato alla decisione di interrompere il rapporto.

Situazione che si è verificata anche tra Corrado Schiazza ed il Molassana, anche loro giunti alla determinazione di terminare il rapporto sportivo, in essere da quattro anni.

Pure un altro pezzo da novanta, Nicola Spissu, ha lasciato la società (Serra Riccò) che stava allenando da diverso tempo, sostituito da Osvaldo Arecco, che – da cinque anni – svolgeva le funzioni di responsabile del settore giovanile dei polceveraschi.

Arecco, da parecchio tempo, – per sua scelta- fuori dal giro delle prime squadre, ha accettato con entusiasmo l’opportunità di tornare in pista.

Anche le strade di Mirco Fanan ed il Valdivara si sono divise, mentre è tempo di conferme, invece, per il ‘principe’ Roberto Balboni, già alla guida della Genova Calcio, nella parte finale del campionato al posto di Maurizio Podestà e di Fabio Muzio sulla panchina della Caperanese.