Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Multedo, dopo il no al finanziamento di 4 su 7 milioni la Regione aggiusta il tiro: “In futuro potranno arrivare”

Toti e Rixi: "Solita disinformazione". Ma a negare lo stanziamento era stata in consiglio regionale la vicepresidente Sonia Viale

Genova. 7 milioni per Multedo, secondo quanto vi avevamo raccontato sabato scorso in questo articolo, sembrava che si fossero più che dimezzati a 3 visto che la Regione Liguria, attraverso il fondo strategico, aveva per quest’anno dato l’ok a uno stanziamento solo di 1,5 milioni per Euroflora (fra le richieste avanzate dal Comune di Genova). Il fatto che i 4 milioni non fossero in previsione era stato confermato ufficialmente dal vicepresidente della Regione Liguria Sonia Viale durante l’ultimo consiglio regionale, in risposta a un’interrogazione del Pd.

Oggi la Regione Liguria aggiusta il tiro. “La richiesta del Comune di Genova, relativa all’utilizzo del Fondo per opere su quelle aree, è regolarmente contenuta nell’elenco delle priorità presentata dall’ente al comitato di indirizzo del fondo stesso per la programmazione di spesa 2018/2019 – spiegano il presidente Giovanni Toti e l’assessore allo Sviluppo economico Edoardo Rixi- i relativi fondi sono già stanziati nella dotazione relativa ai lavori da finanziare nel Comune di Genova, insieme a molti altri interventi. Per ragioni di urgenza il comitato di indirizzo ha assegnato subito 1,5 milioni della programmazione per la riqualificazione dei Parchi di Nervi, indispensabili per la realizzazione di Euroflora”.

“Ciò non esclude affatto – proseguono Toti e Rixi – il finanziamento delle altre opere contenute nelle richieste del Comune di Genova, che il comitato di indirizzo delibererà di realizzare nelle sue prossime riunioni, in accordo con l’amministrazione del capoluogo. Ogni polemica sollevata sull’argomento è, come sempre, strumentale e sollevata da una opposizione incapace di proporre, ma dedita costantemente ad alimentare disinformazioni inutili e anzi nocive. Anche per se stessa”.

Resta il fatto che l’assenza del finanziamento fosse ribadita dalla vicepresidente Sonia Viale e riportata negli atti della seduta di consiglio.