Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria Primavera sconfitta (1-2) dal Partizan Belgrado al Torneo di Viareggio

Bisognerà rifarsi con Pisa e Venezia, come ai tempi delle Repubbliche marinare…

La Spezia. Non è stato un ritorno fortunato, quello della Sampdoria al Torneo di Viareggio, ma c’era forse da aspettarselo, dato che la priorità, di questi tempi, è indubbiamente riservata al campionato Primavera (ed al bisogno di evitare la retrocessione), per cui può sicuramente aver influito un certo rilassamento mentale… tipo quello della prima squadra, quando va a giocare in trasferta, con le squadre che si battono per non retrocedere (vedi Benevento e ultimamente Crotone).

Ed ecco così, che al centro sportivo “Ferdeghini” di La Spezia, nella prima giornata del Girone 4 del Gruppo A, i ragazzi di Pavan sono stati sconfitti, per 2-1, dal Partizan di Belgrado.

Ma andiamo con ordine, riportando, per i lettori più accaniti, l’elenco della rosa dei giovani blucerchiati partecipanti alla Coppa Carnevale, con tanto di numerazione:

Portieri: Hutvágner (1), Piccardo (12), Ventura (22);
Difensori: Cassaghi (17), Ercolano (24), Ferrazzo (6), Giordano (13), Oliana (5), Pastor (19), Romei (16), Tomic (3), Veips (2);
Centrocampisti: Aramini (18), Eduardo Baldé (25), Ejjaki (8), Gabbani (4), Perrone (14), Sakho (15), Scotti (27), Soomets (21), Tessiore (7);
Attaccanti: Amado Dos Santos (23), Balde (10), Cabral (26), Cappelletti (28), Gomes Ricciulli (11), Stijepović (9), Vujčič (20).

Ed a seguire il tabellino dell’incontro con i pari età serbi:

Sampdoria: (4-3-1-2): Hutvágner; Romei, Oliana, Veips, Ferrazzo; Tessiore (dal 46° Cappelletti), Pastor Carayol (dal 46° Soomets), Gabbani (dall’85° Amado Dos Santos); Gomes Ricciulli (dal 56° Perrone); Cabral (dal 65° Eduardo Baldé); Stijepović (dal 56° Vujčič).

A disposizione: Piccardo, Ejjaki, Ibourahima Balde, Giordano, Sakho, Cassaghi, Aramini, Ercolano, Scotti.

Partizan: ( 4-3-3): Vukanic, Vujic, Sehovic, Pantazis, Vjestica, Molisavlievic, Nikolic (dall’85° Vujanic), Novic (dal 91° Ilic), Kokir, Jankovic (dal 75° Zukic), Antoijevic.

A disposizione: Prodanovic, Manov, Bojic, Sehapi, Ilic, Pavlovic, Derlek, Vlalukin, Markovic, Popovic.

Allenatore: Lazetic.

Dopo un primo tempo incolore, la Samp si trova inaspettatamente avanti, per un errore del portiere serbo, che si fa trafiggere da uno strano rimbalzo della palla, calciata, su punizione da Cappelletti, ma il vantaggio dura poco… perché Vjestica è lesto a mettere in rete una avventata respinta di pugni di Gergely Hutvágner e poi a fare il bis, ad una decina di minuti dal termone, sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Fra i serbi, sono piaciuti il numero 10, Kokir ed il difensore Pantazis, veloce, propositivo e con ottimo piede, mentre nel Doria, sia pur nei pochi minuti avuti a disposizione, si è fatto vedere Eduardo Baldé Babucar, equatoguineiano (come Obiang), con chioma alla Gullit, che sta riprendendo dopo una lunga sosta ai box per infortunio.

Quanto al resto… bando alle chiacchiere, bisognerà rifarsi con Pisa e Venezia, come ai tempi delle Repubbliche marinare…