Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Locatelli battuta di misura in Sardegna. Notte fonda Rapallo risultati

Le lontre di Carbone giocano punto a punto, ma pagano un avvio sottotono. Le gialloblù vengono travolte dal Verona

Ancora una giornata nera per i colori genovesi in serie A2 femminile di pallanuoto. Sia la Luca Locatelli che il Rapallo infatti escono sconfitte dai rispettivi impegni.

Le ragazze di coach Carbone vengono battute in Sardegna di misura dalla Promogest che decide la gara nel primo quarto, terminato 4-2 per le locali. Grande mattatrice di giornata è Arbus che sigla 5 reti, le stesse di Mori sul fronte genovese. Le sarde giocano meglio in avvio e arrivano fino al 5-2, poi la reazione ligure consente alle biancorossoblù di rientrare in gara con il pareggio.  Le lontre, però si distraggono e vanno nuovamente sotto 7-5.

Il prosieguo di gara è un batti e ribatti, ma le genovesi non riescono a recuperare il gap che resterà fino alla fine di 2 reti e permette alla Promogest di aggiudicarsi la gara e i tre punti. Per la Locatelli terzo ko in quatttro gare, sicuramente un avvio di stagione tutt’altro che promettente. Carbone commenta: “Quest’anno finora le ragazze mi hanno soddisfatto molto per come stanno affrontando il campionato, con grande coraggio e determinazione contro qualunque avversario e contro qualunque avversità, detto ciò dobbiamo lavorare sodo per limare degli aspetti del gioco che spesso fanno pendere sia pur di pochissimo la bilancia dalla parte delle nostre avversarie. Quello su cui non possiamo fare niente invece è l’arbitro, aspetto sul quale non abbiamo avuto finora fortuna,ma almeno il signor Orrù non ha mai avuto atteggiamenti arroganti, anzi, direi che ha trasmesso tranquillità, e questo non è pregio da poco. Ora dobbiamo stare sereni e continuare a lavorare, presto ci riprenderemo i punti che meritiamo”.

Se la Locatelli non se la passa bene, la situazione in casa Rapallo è nera come il mare di notte. Contro Verona è arrivata la quarta sconfitta di fila in una gara che non ha storia. Le veronesi vanno rapidamente sullo 0-3, per poi allungare ancora nel secondo e terzo quarto (2-11). Timida la reazione nel finale che vede l’ultimo periodo come unico in equilibrio. Davvero una gara brutta per le ruentine che sono lontane dalle prestazioni che ci si aspetta dalla squadra di Emanuela Schiaffino che commenta così quanto visto in vasca: “E’ stata una partita molto fisica, e sicuramente noi patiamo questo aspetto – commenta il tecnico Emanuela Schiaffino – Risultato a parte, ho però visto un miglioramento nel gioco e questo è importante. Diciamo che il Verona è a tutti gli effetti un squadra di serie A2 mentre noi, neopromosse, dobbiamo ancora dimostrarlo. C’è senza dubbio da lavorare e puntiamo a fare meglio partita dopo partita