Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Rivarolese si riprende il secondo posto. La Fezzanese è sempre più sola risultati

Giornata dura per le squadre impegnate nella salvezza. Travolti Rapallo, Serra Riccò e Sestrese. Punti pesanti per Molassana e Busalla

Non si ferma più la Fezzanese che comanda in modo piuttosto chiaro il campionato di Eccellenza ligure. La compagine spezzina non ha problemi neanche a Sestri Ponente di Genova, dove cala un poker che non lascia spazio a dubbi. Complici anche i continui cambi al secondo posto fra le pretendenti, i biancoverdi volano a +8 sugli inseguitori.

A Genova il gol arriva dopo 12’ con Pennucci che infila Rovetta in diagonale. Il raddoppio arriva al 28° con il “solito” Lorenzini al termine di un’azione di alto profilo tutta di prima. Gara che si chiude in avvio di secondo tempo con una Sestrese in balia degli avversari. Al 48° Zavatto cala il tris con una spettacolare semi rovesciata. Tre minuti dopo cala il sipario Lorenzini che con la sua doppietta la chiude 0-4. Da qui in avanti la Fezzanese controlla senza rischiare mai nulla, tornando verso levante con tre punti meritati.

Torna a fare punti il Vado grazie a una gara umile contro la Sammargheritese che consente ai rossoblù di ottenere uno 0-0 che non smuove granché la classifica, ma fa morale che resta in lotta per i primi posti, ma si vede superare dalla Rivarolese vittorioso in casa contro il Ventimiglia. Partita che inizia subito bene per i giallorossoneri, in vantaggio al 9° con Mura. Al 26° la reazione degli ospiti trova riscontro con Trotti che pareggia i conti, ma al 35° ancora Mura sigla il 2-1 con un’azione personale. Nel secondo tempo decide la gara una botta dalla distanza di Sighieri che chiude i conti.

Male il Pietra Ligure che va ko contro il Molassana. Genovesi in cerca di punti salvezza, mentre il Pietra cerca di ritrovare sé stesso. Botta e risposta in avvio fra le due squadre con il rigore di Donati che fa 1-0 e il pareggio al 14° (due minuti dopo) di Anselmo con un bel colpo di testa. Ancora Donati è decisivo al 47° quando recupera palla e piazza la sfera alle spalle di Alberico. La risposta dei ponentini, anche stavolta è rapida. Tre minuti dopo Zunino pareggia, ma all’87° Alberico combina un disastro rinviando addosso a Cafferata. Palla che si infila in porta ed è 3-2.

Vittoria larga, ma non semplice per l’Imperia a Moconesi. Lo 0-4 finale non deve ingannare, i locali tengono il campo per un tempo, poi crollano, ma cercano di giocarla fino all’ultimo. Succede tutto nella ripresa con le reti di Castagna al 49°, al posto giusto per il tap-in vincente. Poi, due minuti dopo Daddi interviene di testa su punizionee raddoppia. Al 77° tocca a Canu mettere in ghiaccio il punteggio con una botta a fil di palo che non lascia scampo a Meneghello. All’81° ancora Daddi firma il definitivo 0-4.

Brutto ko per il Rapallo che in casa viene travolto dalla Genova Calcio. L’avvio era sembrato promettente per i bianconeri che al 34° passano in vantaggio con Pondaco, ma il gol ha l’effetto di risvegliare gli ospiti che pareggiano con Ilardo e passano a condurre nel finale con Romei. Nella ripresa scatenato il Genova Calcio con Traverso, e ancora Romei ed Ilardo che chiudono la pratica e rilanciano i biancorossi. Tre punti meritati anche per il Busalla che supera nettamente l’Albenga per 4-1. Partita che si indirizza già nel primo tempo con la doppietta di Compagnone.

La gara prosegue in modo equilibrato con il Busalla che non preme se non in modo necessario, ma al 74° sul tiro di Ottoboni, Rossi non è perfetto e allora Cagliani è il più rapido a siglare il 3-0. Al 79° Calcagno prova a rilanciare i suoi, ma Repetto chiude i conti definitivamente all’89°.

Brutto passo indietro del Serra Riccò che viene travolto dal Real Valdivara. Primo tempo che si chiude già sul 2-0 con le reti di Mozzachiodi e Bertuccelli. Nel secondo tempo Mozzachiodi trova ancora due reti, prima di servire a Bertuccelli la palla del 5-0. Il gol di Lobascio all’86° serve come rete della bandiera, prima che Olonisakin infili la palla in gol per il definitivo 6-1.