Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Uilm: “Leonardo deve valorizzare i siti genovesi con la cyber security”

Antonio Apa,segretario Generale Uilm Genova, auspica integrazione con la componente militare. Entro fine mese atteso il nuovo piano industriale

Più informazioni su

Genova. “Leonardo punti su Genova creando un polo di eccellenza della cybersicurezza da integrare con la componente militare”. E’ questa la richiesta della Uilm di Genova. Entro fine mese Leonardo scoprirà le carte sul tanto atteso piano industriale. Antonio Apa, Segretario Generale Uilm Genova, interviene a difesa del siti genovesi.

“L’auspicio che lo stesso rompa con la vulgata tanto cara al suo predecessore, ovvero, quello di aver consegnato un gruppo che stride con la storia raccontata di una Leonardo scintillante – dice Apa – Alla Uilm interessa che le Divisioni presenti a Genova nell’ambito dello stesso piano assumano una forte connotazione industriale. Il dott. Profumo nella sua visita a Genova ha constatato personalmente, rimanendo entusiasta, dell’eccellenza dei prodotti, della qualità ingegneristica, informatica, sistemistica e dell’eccellenza professionale dei lavoratori. Per questo è necessario dare una svolta alle divisioni sostenendole con investimenti selettivi mirati, anche in termini di risorse”. Un rilancio che deve avvenire, secondo Apa, attraverso “un’inversione di rotta rispetto alla gestione Moretti, nel nuovo piano industrial”.

La Uil chiede “una forte connotazione industriale che necessariamente passi attraverso la valorizzazione dell’automazione, dell’informatica, della sicurezza militare e civile, in particolar modo sulla cyber security Genova può diventare un vero centro di eccellenza integrandola con la componente militare”.

” In questo contesto le divisioni SSI, ETN e SAS vanno viste in una logica duale integrandosi a vicenda anche sul versante militare che va valorizzato rispetto alla missione produttiva in essere, senza snaturarla (mi riferisco per esempio alla legge navale, all’avionica etc) o trasferendo pezzi di competenza altrove – prosegue Apa – L’auspicio che tutto ciò venga valutato attentamente e che le competenze tecnologiche del sito vanno prese in seria considerazione, potenziandole e ulteriormente sviluppandole. Su questo terreno misureremo i contenuti del piano industriale e le azioni che intraprenderà l’AD”.