Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Opinionista tv e cattolico radicale: ecco don Pieracci, il prete la cui auto è stata distrutta da un rogo doloso

E' l'ex direttore dell'Oasi di Belpiano, un centro di accoglienza migranti nel comune di Borzonasca, in val D'Aveto

Genova. Il suo rapporto con la val D’Aveto era iniziato con una luna di miele. Don Mario Pieracci, sacerdote romano, noto opinionista tv in programmi Rai come La vita in diretta, personaggio controverso per le sue posizioni talvolta radicali, saliva a Belpiano per trascorrere ore liete e rilassanti in comunione con lo spirito e la natura.

Le cose sono degenerate parecchio negli ultimi anni, la relazione tra il territorio e il sacerdote ha iniziato a deteriorarsi dopo che Pieracci è diventato direttore del centro di accoglienza per migranti all’interno della cosidetta Oasi di Belpiano, una struttura turistica convertita a residenza per richiedenti asilo.

Minacce velate dai residenti, insulti vergati con vernice sui muri, accuse sulla gestione e altre situazioni poco piacevoli hanno spinto il prete a gettare la spugna, tanto che nell’ottobre scorso all’Oasi era stato nominato un nuovo amministratore, don Rinaldo Rocca, sempre per l’associazione senza scopo di lucro Gli Angeli.

L’ultimo atto del burrascoso rapporto tra don Pieracci e la Val D’Aveto potrebbe essere il fatto avvenuto la notte scorsa. L’auto del prete, un’utilitaria, è stata data alle fiamme. Almeno così ipotizzano i carabinieri di Borzonasca e Lavagna, che indagano sull’accaduto. Non si esclude un corto circuito, ma i militari sembrano aver da subito indirizzato le loro indagini.

Il rogo, divampato alle 3 di notte, si è esteso anche a un deposito di legname, pertinenza della canonica. Sul posto i vigili del fuoco di Chiavari. Don Pieracci, raggiunto al telefono, ha preferito non commentare.