Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Inchiesta su bar biblioteca Berio: Carabinieri negli uffici del Comune di Genova, due indagati

I due iscritti nel registro sono due commercialisti, i cui nomi erano stati indicati nell'esposto depositato in procura dal legale di Paolo Vanni, ex gestore del bar

Più informazioni su

Genova. Forze dell’ordine questa mattina negli uffici del Comune di Genova a seguito dell’inchiesta per turbativa d’asta riguardante l’appalto per la gestione del bar della biblioteca Berio.

L’operazione è effettuata dai carabinieri della polizia giudiziaria con acquisizione di documentazione. Le perquisizioni sono confermate dall’assessore comunale alla Cultura e Servizi bibliotecari Elisa Serafini. Peraltro i dirigenti del settore, nel cambio di amministrazione, sono stati cambiati.

Le verifiche e l’inchiesta sarebbero nate dall’esposto legale presentato da Paolo Vanni, l’ex gestore del bar della biblioteca Berio  cui la scorsa estate è subentrata la nuova società.

“Ne ero a conoscenza – ha dichiarato Vanni, che negli ultimi tempi si è lanciato in una nuova avventura imprenditoriale con un bar in piazza Matteotti – Posso affermare di essere assolutamente fiducioso e di aver verificato la serietà e attenzione dedicata a tutta la vicenda da parte della autorità investigativa”.

Sono due gli indagati nell’ambito dell’inchiesta del pubblico ministero Massimo Terrile sulla gara d’appalto per l’assegnazione della gestione del bar. I due iscritti nel registro sono due commercialisti, i cui nomi erano stati indicati nell’esposto depositato in procura dal legale di Paolo Vanni. L’ipotesi di reato contestata è turbativa d’asta.

Nella denuncia dell’avvocato Sabrina Franzone, infatti, si sottolineavano due aspetti “sospetti”: da un lato l’offerta economica della società che ha vinto l’appalto e dall’altra il ruolo dei due commercialisti. I professionisti, infatti, curavano la contabilità della società Berio Ristorazione di Vanni e della moglie, ma sono al tempo stesso amministratori o titolari di quote della società Futura srl che detiene il 20 per cento della Ristobes (che ha vinto la gara).