Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cani in ufficio? All’ufficio Cultura del Comune si può: in vigore il regolamento animalista (ma i gatti restano fuori)

Elisa Serafini spera che il provvedimento sia preso in altri uffici pubblici: “Presto cani anche nei musei”

Genova. Amante degli animali e attiva da anni nel volontariato a favore dei quattrozampe in cerca di famiglia, l’assessore alla Cultura del Comune di Genova, Elisa Serafini, con una serie di regole interne ha consentito ai dipendenti dell’ufficio Cultura, all’interno di Palazzo Ducale, di portare il proprio cane in ufficio, durante l’orario di lavoro.

Prima “beneficiaria”, d’altronde, la stessa Serafini che sotto, davanti (e forse anche sopra) la scrivania non manca per un istante del compagnia del suo barboncino Benji. Ma ci sono anche Pixel, Amelia, Simpson e Gioia.

“Portare il proprio cane nel posto di lavoro – spiega Serafini – migliora il clima tra colleghi e induce le persone a non correre a casa per portar fuori il cane”. Resta la condizione che il cane non deve creare disagio, per paure o allergie. Altro discorso per i gatti: “Purtroppo sarebbe più problematico, i cani fanno i propri bisogni fuori dall’ufficio, mentre i gatti costituirebbero una questione igienica. Ahimé, perché io farei entrare tutti”.

La sperimenta partita negli uffici Cultura a primavera arriverà anche nei musei genovesi. Ma dietro a tutto questo, oltre che l’amore per gli animali, c’è anche una motivazione di riduzione della spesa pubblica. “Rendere più semplice la vita di chi adotta i cani o gli animali – spiega l’assessore – in generale porterà maggiore motivazione all’adozione. E questo ridurrà anche le spese del Comune”.

Elisa Serafini, peraltro, non è l’unica amante dei cani in giunta in Comune: anche le assessore Viscogliosi, Cenci e Fassio ne hanno uno o più, così come i consiglieri delegati Anzalone e Maresca, o il consigliere Campanella, una sorta intergruppo formato da persone con diverse sensibilità e di partiti diversi che si fanno portavoce dei diritti degli animali.

E, per chi fosse interessato alle adozioni, ricordiamo la rubrica quotidiana di Genova24: Portamiacasa