Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giampaolo: “Il campo fa c….e, ho detto ai miei di dimenticare come giochiamo” risultati fotogallery

Il mister blucerchiato dice senza mezzi termini cosa sta frenando la squadra nelle partite casalinghe

Genova. “Per giocare bene al calcio ci vuole la qualità dei calciatori e un bel campo. Il campo fa cagare, potete scriverlo, favorisce la squadra che si difende, il calciatore si fida poco e rischia di perder palla, per questo la squadra si è snaturata”. Marco Giampaolo non le manda a dire al termine della sofferta vittoria con la Spal.

“Nell’intervallo ho detto ai ragazzi: dimenticate quello che abbiamo fatto da un anno e mezzo a questa parte, anche se non è possibile. Oggi non sono in grado di fare un’analsi tecnica, per me la partita è ingiudicabile da questo punto di vista. Avete mai visto la Samp giocare così? In serie A non si può avere questo campo, me ne prendo la responsabilità. Se l’avessimo persa?”.

Il mister ha detto ai suoi giocatori di star dentro la gara, di palleggiare poco e verticalizzare molto: “Non avevamo giocatori alti per fare la guerra, abbiamo cercato di dirci tre cose in croce, tutto ciò non ci rappresenta”.

Giampaolo giustifica i cambi: “Strinic me l’ha chiesto lui, Sala era stato ammonito, non gioca da tanto, ho pensato che avesse perso lucidità e volevo evitare di finire in 10. A Kownacki ho pensato che nello sporco c’era da fare un po’ di battaglia”.

Sull’eterno Quagliarella il mister ha solo belle parole: “Corre tanto e bene, nella metà campo avversaria, sa quando e dove correre, è in autostima. Io so quanto determinante sia nell’economia della squadra, sa come smarcarsi, sta bene fisicamente e mentalmente. Gli evitiamo di far corse lunghe e cicliche. Rispettiamo la sua morfologia, sta vivendo una seconda giovinezza perché ha le qualità e sa come gestirsi”. Elogi anche per Regini: “Vasco è una garanzia per me, mi sono battuto per tenerlo, è una garanzia dal punto di vista tecnico e professionale”.

Si avvicina anche la riapertura del mercato, ma Giampaolo non sembra essere informato sulle strategie della società: “Non ho parlato di mercato con il club. Non so se hanno in atto delle strategie. Io ne alleno 20 e sono contento, contento di andare avanti con loro, ma se qualcuno è scontento perché gioca poco se ne vada”.