Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, la sosta si paga col telepass, ma non si può ancora frazionare

Senza costi aggiuntivi, grazie a un accordo raggiunto tra Genova Parcheggi e la società Telepass Pay

Genova. Da oggi anche a Genova e’ possibile pagare la sosta con il telepass, e senza costi aggiuntivi, grazie a un accordo raggiunto tra Genova Parcheggi e la società Telepass Pay che permetterà agli abbonati al servizio, circa 200mila a Genova, di accedere attraverso una app al servizio di soste da remoto.

Tariffe parcheggi

Il servizio, che è dedicato alle Blu Area e alle Isole Azzurre, e’ diventato operativo dopo una fase di test di una settimana. Per usufruire del nuovo servizio gli utenti Telepass Pay dovranno installare sul proprio smartphone la app Pyng+. Attraverso il sistema di geolocalizzazione sara individuato immediatamente il posteggio prescelto e si potrà, così, pagare la sosta per la durata prevista, selezionando la targa del veicolo.

Il pagamento sul proprio conto Telepass Pay sara’ completato solo allo scadere della sosta e, di conseguenza, la durata potrà essere modificata attraverso l’app in qualsiasi momento. “La cosa positiva – spiega il Vice Sindaco, Stefano Baleari – è che la sosta si può gestire direttamente da remoto e quindi si può allungare o accorciare la propria sosta a seconda delle necessità. Non è ancora possibile fare il frazionamento ma su questo stiamo lavorando e speriamo di riuscire nel futuro. Il servizio non costerà assolutamente nulla all’utente grazie a un accordo tra Genova Parcheggi e la società Telepass”.

Oltre alle due targhe che da contratto è possibile registrare su ciascuna utenza Telepass, chiunque abbia scaricato l’app e abbia associato il proprio profilo Telepass potrà liberamente pagare la sosta per qualsiasi auto anche non dotata del dispositivo per il pagamento elettronico.

“Il concetto- sintetizza Antognoni- è che posso pagare la sosta per qualsiasi auto, basta che io sia un utente Telepass”. Gli ausiliari del traffico potranno controllare la regolarità del pagamento attraverso la targa del veicolo.